Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Jays q-JAYS Monitor in-ear di riferimento recensiti

2

Mai sentito parlare degli auricolari Jays? Neanche io. Ma dopo aver incontrato l’azienda al Rocky Mountain Audio Fest e aver provato i suoi nuovi monitor in-ear di riferimento, i q-JAYS (a partire da $ 279), ho deciso che avremmo dovuto conoscerci meglio. Con sede a Stoccolma, in Svezia, Jays produce auricolari dal 2006. La sede principale dell’azienda si trova in un vecchio birrificio e la sua missione è piuttosto semplice: "Un focus incessante sull’ingegneria e sull’innovazione del design. Crediamo che umanizzando l’innovazione tecnologica con un buon design, possiamo creare esperienze musicali memorabili con un impatto emotivo".

A differenza di molti produttori di auricolari che sembrano concentrarsi su legami e sponsorizzazioni di celebrità, Jays è un’azienda più tecnicamente orientata che crede che "c’è solo un modo per costruire correttamente un ottimo prodotto: farlo un dettaglio alla volta. Dall’esperienza di unboxing al tuo comfort quotidiano utilizzando i nostri prodotti, ti assicuriamo che ogni dettaglio è stato attentamente considerato e migliorato da noi nel corso degli anni." Quindi, vediamo come i prodotti Jays si accumulano nel mondo ben popolato dei monitor in-ear con meno di $ 300.

Descrizione del prodotto
Il q-JAYS è un design a due vie che utilizza una coppia di armature bilanciate su misura con una rete di crossover tra di loro. Il q-JAYS utilizza anche uno speciale filtro acustico nella parte anteriore della canna, che "lava via ogni sibilo acuto, lasciando alti morbidi e dettagliati". Oltre ai filtri acustici, gli auricolari q-JAYS utilizzano anche filtri protettivi rimovibili con 55 fori, che consentono al suono di fuoriuscire ma impediscono agli oggetti di entrare nel foro dell’auricolare. La sensibilità è di 103 dB con un’impedenza di 50 ohm.

Il corpo metallico in un unico pezzo è modellato in acciaio inossidabile ad alta resistenza, che viene quindi lucidato, sabbiato e rivestito tramite deposizione fisica di vapore. Secondo Jays, questo processo "lega le particelle di vapore con l’acciaio inossidabile a livello molecolare". Il risultato finale è una finitura nera satinata che dovrebbe essere impermeabile a graffi, graffi e maltrattamenti fisici. Come ci si aspetterebbe da un auricolare di riferimento, il cavo è rimovibile e sostituibile. Utilizza connettori SSMCX filettati, che è una delle connessioni più piccole attualmente disponibili. Jays ha quattro scelte di cavi per q-JAYS: iOS, Windows, Android e Solo audio. Il q-JAYS viene fornito con un cavo iOS o un cavo solo audio (a scelta), ma gli altri sono disponibili sul sito Web dell’azienda o tramite i rivenditori.

L’imballaggio per il q-JAYS è fluido e ben congegnato, ma non esagerato. L’esterno della scatola fornisce una descrizione completa del prodotto all’interno. All’interno della confezione troverai cinque paia di punte in silicone di dimensioni diverse e un paio di punte in schiuma Comply T100. Troverai anche un fitto libretto ricco di informazioni tecniche e operative aggiuntive. La confezione include una custodia in plastica rigida nera che si avvita a parte. La custodia è compatta, leggera e si inserisce facilmente in tasca. La mia unica lamentela è che vorrei che non fosse nero, perché è troppo facile da perdere o smarrire. Il mio primo campione di recensione è scomparso da qualche parte durante un viaggio tra Dallas e Denver; Spero che chiunque l’abbia trovato si stia divertendo con quel paio di q-JAYS…

Impronte ergonomiche
Per una vestibilità ottimale, consiglio vivamente di provare più di uno degli auricolari in dotazione. Ne ho provati diversi e ho optato per i suggerimenti Comply T100 perché sono rimasti nel mio orecchio il meglio. (Potrei anche usare i q-JAYS durante un allenamento e sono rimasti ben posizionati nelle mie orecchie.) L’unico problema di adattamento che ho riscontrato è stato che né il cavo né le capsule stesse sono chiaramente contrassegnati a destra e a sinistra. Ma dopo aver esaminato attentamente i pittogrammi sulla scatola, li ho montati correttamente. Dopo il montaggio, il modo migliore per distinguere la sinistra dalla destra è che il modulo di controllo si trovi sul cavo del canale destro.

Le capsule stesse sono estremamente leggere e abbastanza compatte, il che significa che rimangono in posizione una volta inserite. Il problema per alcuni utenti è che, per ottenere una buona tenuta, richiedono quello che chiamerei un inserimento di media profondità. Non hanno bisogno di essere inseriti in profondità come Etymotic ER4 SR e XR, ma si trovano un po’ più in profondità nel condotto uditivo rispetto a molti auricolari universali. Se posizionato correttamente, il q-JAYS si annida nel tuo padiglione auricolare e la connessione del cavo si trova in modo che il cavo possa cadere proprio vicino alla rientranza del lobo dell’orecchio.

I cavi sostituibili sono abbastanza leggeri e molto flessibili. Il mio iPhone 5 ha risposto con prontezza ai controlli di riproduzione/pausa, avanti e indietro sul cavo. Sebbene tu possa indossarli in "stile sportivo" con il cablaggio che scorre sulle orecchie e lungo la schiena, sarà più difficile accedere ai controlli dello smartphone se indossato in questo modo. Con il cavo diretto verso il basso, i controlli erano facilmente accessibili.

Sonic Impressions
Ho usato il q-JAYS con una varietà di lettori portatili, inclusi Questyle QP1R, Onkyo DP-X1 e Sony NW-ZX2. Ogni giocatore potrebbe guidarli facilmente con un ampio guadagno residuo. Accoppiata con l’amplificatore per cuffie single-ended di Mytek Brooklyn, la manopola del volume raramente supera i -35 dB.

Come con ogni in-ear, prima di poter ottenere un suono ottimale, devi avere una buona vestibilità. Una volta posizionato e sigillato correttamente, il q-JAYS ha prodotto un soundstage ben definito e lateralmente preciso che era ampio e profondo come quello che ho sperimentato con qualsiasi monitor in-ear a due vie. Alcuni auricolari multi-driver, come il Westone W-60 e l’Empire Ears Zeus, producono stadi sonori laterali più grandi, ma entrambi utilizzano più driver rispetto ai q-JAYS. L’Etymotic ER4 XR a tre driver ha prodotto un palcoscenico sonoro di dimensioni simili.

L’estensione e il controllo dei bassi attraverso il q-JAYS erano migliori di quanto mi aspettassi da un design a due vie. Anche se forse un po’ più caldi di quelli assolutamente neutri, non hanno mostrato alcuna fioritura o sbuffo dei mediobassi evidenti o eccessivamente maturi. L’estensione dei bassi rivaleggiava con quella di auricolari più costosi, come l’Ultimate Ears Reference Remastered, e il controllo dei bassi q-JAYS era quasi altrettanto buono.

La gamma media era perfetta come ho sentito da un design a due vie, il che non è facile da fare, poiché il crossover per la maggior parte dei design a due vie si trova nella regione critica della gamma medio-alta. Ma per quanto ci provassi, non riuscivo a rilevare alcuna anomalia di frequenza che potevo posizionare ai piedi del crossover stesso.

Le frequenze superiori attraverso il q-JAYS erano dolci, con un’estensione decente. Sebbene non sia così arioso come alcune cuffie, come Focal Utopia o Empire Ears Zeus, c’era comunque un sacco di brillantezza, dettagli e aria ad alta frequenza.

Il mio unico inconveniente sonoro con il q-JAYS è stato il cavo stesso, che è altamente microfonico fino a raggiungere la prima giunzione. Se qualcosa sfrega contro il cavo, lo sentirai. Se si utilizza q-JAYS in un ambiente attivo, sarà meno microfonico se fissato da una clip, che non è un accessorio incluso. Ne ho preso uno in prestito da un paio di auricolari Apple, che hanno funzionato bene.

Punti
salienti • Le q-JAYS sono molto ben fatte.
• La vestibilità del q-JAYS può essere molto comoda con un po’ di sforzo.
• Il q-JAYS è facile da guidare con uno smartphone, cosa che non si può dire di ogni IEM della sua classe.

Punti deboli
• Può essere difficile distinguere l’auricolare destro da quello sinistro durante il montaggio iniziale.
• Il cavo è moderatamente microfonico.
• La custodia da viaggio in plastica nera è facile da perdere, grazie al suo colore e alle sue dimensioni.

Confronto e concorrenza
La competizione principale per il q-JAYS è l’ Etymotic ER4 SR e XR dal prezzo simile. Tutti e tre questi monitor in-ear, se montati correttamente, offrono suoni vibranti, dettagliati, a piena frequenza e di livello di riferimento. La differenza principale per l’utente finale sarà l’adattamento. Per alcuni, la vestibilità a inserimento profondo dell’Etymotic non sarà comoda, è semplicemente troppo profonda. Per quelle persone, q-JAYS sarà un’opzione migliore.

Se il tuo budget preclude il segno leggermente inferiore a $ 300, ti suggerirei di provare gli auricolari 1MORE a triplo driver ($ 99,99). Sebbene manchino di un cavo rimovibile, abbiano meno opzioni di adattamento e non siano così ben costruiti, possono esibirsi a un livello sonoro che si avvicina da vicino a quello dei q-JAYS.

Conclusione
Se stai cercando un paio di monitor in-ear universali ben progettati, ben realizzati e dal suono raffinato e il tuo budget è inferiore a $ 300, i q-JAYS sono un’opzione di acquisto molto interessante.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More