Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Esame della mia relazione di amore/odio con i dischi video

0

Negli ultimi sei mesi, ho recensito due nuovi lettori Blu-ray Ultra HD (inclusa la recensione in primo piano della scorsa settimana, il Philips BDP7501) insieme al mio normale assortimento di TV e proiettori. Ciò significa che ho passato molto tempo con il formato del disco video, certamente, più tempo di quanto non sia diventato la norma per me.

Negli ultimi anni, come molti, ho abbracciato servizi di streaming come Netflix, Amazon Video e Google Play per guardare film casuali e quotidiani. Certo, sono andato al chiosco Redbox locale per ritirare l’ultima versione Blu-ray di successo che merita di essere guardata nel miglior formato A/V disponibile e, occasionalmente, acquisterò nuovi dischi di qualità di riferimento per aiutarti con le mie recensioni Ma quelle sono davvero le uniche volte in cui ho scelto i dischi rispetto allo streaming.

L’arrivo di Ultra HD Blu-ray ha riportato il formato del disco nella mia vita in modo importante. E non commettere errori, il nuovo formato è degno di molto clamore. Se hai una buona TV UHD compatibile con HDR, film come The Martian, The Revenant, Star Trek e Sicario sono belli da vedere in Ultra HD Blu-ray. (Dai un’occhiata al mio elenco di 10 fantastici dischi Blu-ray Ultra HD per iniziare la tua collezione ).

Tuttavia, per quanto mi stia godendo la meravigliosa qualità dell’immagine del nuovo formato, quest’ultimo revival del disco mi ha anche ricordato esattamente perché così tante persone hanno completamente abbandonato il disco video. In poche parole, è solo… sembra… così… dannatamente… lento. Tra la velocità di caricamento del disco (che varia a seconda del giocatore) e tutti i piccoli fastidi che gli studi hanno incorporato nell’esperienza di navigazione, il processo per arrivare al film vero e proprio sembra durare un’eternità secondo lo standard odierno "microwave a Pop-Tart". Confrontalo con l’attuale raccolto di lettori multimediali in streaming a comando vocale, dove tutto ciò che devi fare è pronunciare il nome di un titolo desiderato nel telecomando, decidere quale servizio desideri utilizzare e iniziare. Almeno nei primi giorni dello streaming multimediale, il processo di inserimento dei nomi dei film utilizzando quella terribile tastiera sullo schermo ha causato un po’ di costernazione, ma è diventato rapidamente un rituale del passato. Vedete, si sono evoluti in risposta al feedback dei consumatori. Un concetto nuovo, lo so.

E che dire di quei fastidi di navigazione che vengono messi in atto dagli studi cinematografici? Rivisitiamo tre dei trasgressori più comuni e vediamo quanto (se ce ne sono) sono cambiati nella nuova era del Blu-ray Ultra HD.

Rimorchi. Oh così tanti trailer.
I trailer sono fantastici al cinema perché ti mostrano scorci di film che non sono ancora usciti. I trailer non sono fantastici su Blu-ray perché di solito cercano solo di venderti più Blu-ray. Perché dovrei voler guardare sei (o più) trailer di film che sono già usciti nelle sale o su disco? A questo punto, ho già visto il film o ho scelto di non vederlo affatto. Ad ogni modo, non mi interessa. E perché mi stai mostrando una pubblicità che pubblicizza i vantaggi dei dischi Blu-ray… su un disco Blu-ray? Si chiama predicazione al coro. Smettila.

Alcuni studi sono abbastanza carini da farti saltare completamente i trailer premendo il menu principale del telecomando. Poi di nuovo, potrebbe essere il menu a comparsa. Poi di nuovo, potrebbe non essere nessuno dei due pulsanti, dal momento che alcuni studi scelgono deliberatamente di non farti saltare i trailer. In tal caso, prova a utilizzare il track-forward per saltare da un trailer all’altro… o prova ad avanzare velocemente per sbrigarti tra tutti. Se tutto il resto fallisce, prova la stretta di mano segreta sul telecomando: stop, stop, play. O è stop, play, stop, play, entra? Non riesco mai a ricordare.

La buona notizia per i fan di UHD è che finora non ho riscontrato un singolo trailer su un disco Blu-ray Ultra HD. Come forse saprai o meno, ogni UHD BD viene fornito con un disco Blu-ray 1080p separato e finora tutti i trailer sono stati invece caricati su quei dischi. Un altro motivo per apprezzare Ultra HD.

Esame della mia relazione di amore/odio con i dischi videoAvvisi sul copyright
Va bene, studios, abbiamo capito: la pirateria non è un crimine senza vittime. Costa un sacco di soldi per fare un film. La distribuzione di un film costa un sacco di soldi. Le persone meritano di essere pagate per i loro talenti e ogni volta che qualcuno distribuisce illegalmente un film ad altre persone gratuitamente (che si tratti di fare copie fisiche o strappare il disco e caricarlo su un sito di condivisione di file), ciò influisce sul sostentamento di quelli che fanno film, e non solo le mega-star che fanno somme di denaro ridicole. Colpisce quei tipi di Hollywood che vivono di stipendio in stipendio, proprio come il resto di noi.

Ma ecco il punto: non lo sto facendo. La maggior parte delle persone che acquistano e noleggiano dischi home video non lo fanno. Siamo noi che giochiamo secondo le regole e ti diamo i nostri soldi, eppure gli studios sembrano operare partendo dal presupposto che ognuno di noi sia un pirata in attesa che ha bisogno di essere castigato prematuramente. Per quanto riguarda le persone che non rispettano le regole… beh, suppongo che non siano molto preoccupate dai tuoi avvertimenti dell’FBI e dai tuoi accorati appelli. Poi di nuovo, forse la centesima volta che sono costretti a sottoporsi a un avviso di copyright, alla fine affonderà. "Wow, hanno ragione. La pirateria non è un crimine senza vittime. Dovrei davvero smettere di farlo".

Questo piccolo fastidio non è migliorato su Blu-ray Ultra HD. Nella maggior parte dei casi, vedrai sia l’avviso dell’FBI che l’avviso di "crimine senza vittime" subito dopo aver scelto la funzione Riproduci film. Le nuove versioni Blu-ray Ultra HD di LionsGate potrebbero essere le peggiori, poiché ti costringono a guardare gli avvisi sul copyright ogni volta che interrompi il disco e provi a riavviare la riproduzione.

Hai mai notato la gloriosa mancanza di avvisi sul copyright quando trasmetti in streaming un film su Netflix? Probabilmente no. Probabilmente non stai affatto pensando ai problemi di copyright. Stai pensando al film che non vedi l’ora di guardare, ed è così che dovrebbe essere. Dal momento che i servizi di streaming non ti forniscono una copia fisica del film, non c’è bisogno di avvertirti di non fare qualcosa che probabilmente non avresti fatto comunque.

Inoltre, gli avvisi di copyright non sono allegati alle copie digitali fornite con la maggior parte delle versioni Blu-ray. Una volta caricata la copia digitale in iTunes o registrata tramite UltraViolet, il film viene riprodotto solo quando premi play. È solo sui dischi stessi che vediamo questi avvertimenti più e più volte, quasi come se fossimo puniti per aver scelto il formato del disco in primo luogo.

Riprendere o non riprendere?
Vuoi sapere un’altra cosa bella dello streaming? Quando stai guardando un film o l’ultimo episodio del tuo programma TV preferito e devi metterlo in pausa, indipendentemente dal fatto che lo metta in pausa per 10 minuti o 10 giorni, puoi essere certo che potrai avviarlo a il punto esatto in cui eri rimasto.

Non è scontato con i dischi. La maggior parte (ma non tutti) gli attuali lettori Blu-ray supportano la funzione di ripristino automatico che ricorda dove ti trovavi in ​​un determinato disco e ti dà la possibilità di tornare lì. Ma anche se il lettore lo supporta, non tutti i dischi lo supportano. Molti di loro lo fanno, ma Paramount e LionsGate sono due studi che costantemente non supportano il ripristino automatico. Se inserisci Mission Impossible Rogue Nation nel tuo lettore Blu-ray, spero che non premi accidentalmente il pulsante di arresto quando fai una pausa per uno spuntino… perché sei diretto al menu principale quando premi di nuovo Riproduci. Sfortunatamente è vero anche per i dischi UHD BD come Star Trek e Sicario.

Questo è in realtà parte di un fastidio più grande: la mancanza di coerenza tra gli studi. Come ho descritto, i dischi LionsGate hanno le proprie stranezze di navigazione, diverse da quelle della Paramount, che sono diverse da quelle della Warner Brothers, ecc., ecc. Quando si utilizza Netflix, Amazon Video o Google Play, l’esperienza dell’utente è la stessa di da film a film, indipendentemente dallo studio che lo distribuisce. Ma nel mondo dei dischi home video, semplicemente non è così.

Eppure, mio ​​amato Blu-ray, nonostante tutto, nonostante il tuo ritmo pigro e tutti i tuoi piccoli fastidi, non riesco proprio a mollarti. Perché alla fine della giornata, fornisci coerenza nell’area che conta di più per me: le prestazioni AV. Sei semplicemente troppo bella. Suoni troppo bene. E la tua bellezza non è legata a nessun provider di servizi Internet, che potrebbe essere solo il tuo attributo migliore.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More