Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

La regola d’oro della domotica

0

La domotica ha fatto forse il maggior progresso di qualsiasi altra categoria nel settore A/V negli ultimi 10 anni. I trucchi che una volta erano riservati solo alle persone più facoltose nelle case più grandi ora possono essere realizzati con prodotti innovativi venduti nei negozi tradizionali che vanno da Best Buy a Home Depot, Amazon e persino il negozio di ferramenta locale. Controllo dell’illuminazione, persiane retrofit, controllo HVAC, telecamere di sicurezza a infrarossi con supporto DVR e serrature a comando vocale o con impronte digitali sono solo alcune delle opzioni che John Smith America ha di fronte a sé. Questi sono tempi davvero entusiasmanti per coloro che vogliono creare una casa più intelligente.

Ma ho un avvertimento: proprio come un viaggio a Red Lobster quando stai morendo di fame, dovresti ritmo quando si tratta del tuo sistema di controllo. Il fatto triste è che anche molti sistemi domotici installati professionalmente fanno semplicemente schifo. Il motivo principale per cui fanno schifo è che sono troppo complicati, quindi il consumatore non li usa davvero. La regola d’oro della domotica è questa: solo perché puoi non significa che dovresti. Meno è di più. Semplicità e affidabilità sono le vie del mondo.

Un buon esempio viene da uno dei miei componenti più amati: un server musicale a matrice autonoma. Se non hai mai visto uno di questi cuccioli, è un dispositivo con uno spazio su rack progettato per la riproduzione di musica multiroom e audiofila in grado di riprodurre in streaming praticamente qualsiasi formato tu possa sognare: Pandora, Spotify, TIDAL, Sirius, Internet Radio, IHeartRadio, Internet Radio, radio terrestre e molti altri. Puoi anche inserire la tua musica, comprese le tracce ad alta risoluzione. È un dispositivo interessante senza dubbio, soprattutto se si desidera una configurazione multi-room. Puoi ordinare all’unità di giocare in due zone uniche o cinque zone uniche. (Dai un’occhiata alla recensione di Adrienne Maxwell per maggiori dettagli.)

Ecco dove gli installatori si mettono nei guai, però. Solo perché ci sono più di una dozzina di opzioni di streaming non significa che devi programmare il sistema di controllo per usarle tutte. Sul mio sistema ho Pandora, TIDAL e Sirius. Questo è tutto, ed è abbondante. Ho il controllo totale su quasi tutti i CD mai realizzati tramite TIDAL. Posso accedere a quasi tutti i generi musicali tramite Sirius e ho abbastanza familiarità con l’organizzazione dei contenuti, grazie al servizio radio satellitare nella mia auto. Poi ho una dozzina di canali in streaming da Pandora e davvero, nonostante la loro bassa risoluzione, ottengono il massimo da casa mia. L’aggiunta di altre cinque opzioni non presterebbe nient’altro alla mia esperienza. Hai davvero bisogno di Spotify e Pandora? Sono abbastanza simili nella funzionalità. Ancora una volta, solo perché puoi includere la funzione non significa che dovresti,

Un altro modo per mantenere le cose semplici è cercare di attenersi principalmente a una marca di prodotti di automazione. All’estremità inferiore, questo può essere difficile da realizzare; ma, quando si passa alla fascia di prezzo Savant e Control4, diventa più facile risolvere più problemi con una o due marche di componenti di controllo. Personalmente, uso Crestron a casa mia per l’automazione completa (è in arrivo una revisione del mio sistema). Sebbene Crestron sia la piattaforma di automazione più costosa oggi sul mercato, è la più "classe aziendale", quindi può fare più cose, in modo più affidabile, il che ha valso l’investimento per la mia casa. Crestron cerca spesso di essere tutto per tutti, con risultati perlopiù positivi. Ad esempio: la maggior parte delle persone li conosce per i telecomandi e i sistemi di controllo, ma sono anche eccellenti tendine per finestre. Fanno un controllo dell’illuminazione incredibilmente potente, server musicali per tutta la casa e molto altro. Control4 offre una suite di prodotti simile.

Attenersi a un marchio e mantenere l’interfaccia standardizzata è una mossa intelligente quando si decide di investire nella domotica. Se stai solo mettendo le dita dei piedi nelle acque della domotica, va bene avere un campanello Ring e un termostato Nest, ma ho optato per l’illuminazione Crestron rispetto a Lutron per nessun altro motivo che la semplicità di programmazione e integrazione. Ho posseduto attrezzatura Lutron nel mio condominio, nella mia vecchia casa, in ufficio e altrove, ed è attrezzatura fantastica. Volevo solo mantenere le cose semplici questa volta, il che ha aiutato a mantenere bassi i miei costi di programmazione e la mia affidabilità.

Molti dei miei amici che hanno la mia età (ho 42 anni mentre lo scrivo) si stanno avvicinando sempre di più alla domotica. In uno dei miei articoli preferiti che la caporedattrice Adrienne Maxwell abbia mai scritto, spiega come iniziare a lavorare con la domotica a basso costo e nei negozi al dettaglio tradizionali con un budget per il fai-da-te. È qui che c’è stato un cambiamento epocale e molte persone si divertono a giocare con prodotti intelligenti per migliorare la propria vita. Tuttavia, la regola rimane la stessa: considera quali funzionalità ti servono e lavora per ottenerle, ma elimina le funzionalità che non ti servono. Evita le caratteristiche che renderanno la vita più complicata perché, alla fine, la misura del successo del tuo sistema di controllo o automazione è: rende la tua vita migliore? Il mio sì, e vale ogni centesimo che ho pagato per questo.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More