Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Recensione della soundbar GoldenEar SuperCinema 3D Array XL

0

Recensione della soundbar GoldenEar SuperCinema 3D Array XLA meno che tu non abbia vissuto sotto una roccia, molto probabilmente hai familiarità con la tecnologia GoldenEar. Il veterano del settore Sandy Gross ha avviato GoldenEar e si è rapidamente guadagnato la reputazione di produrre altoparlanti con prestazioni ben oltre il loro prezzo. Negli ultimi anni, ho avuto alcune opportunità di ascoltare i diffusori Triton e Aon di GoldenEar, e sono stati all’altezza di quella reputazione. È stata questa reputazione e le mie esperienze con altri diffusori GoldenEar a farmi venire voglia di recensire la soundbar GoldenEar SuperCinema 3D Array XL, nonostante sia una soundbar passiva, una categoria di diffusori che di solito non cattura la mia attenzione.

La 3D Array XL è la più grande delle due soundbar di seconda generazione di GoldenEar. L’array 3D XL è progettato per essere accoppiato con schermi da 65 pollici in più; misura 62,13 pollici di larghezza per 4,75 di altezza per 2,75 di profondità e pesa ben 22 libbre. Il cabinet in alluminio dell’array 3D contiene tre set di driver: un canale centrale composto da quattro driver per bassi/medi superiori da 4,5 pollici (i due esterni si staccano sopra i 600 Hz) che circondano un tweeter a nastro ripiegato ad alta velocità, insieme a canali sinistro e destro che sembrano essere doppi driver da 4,5 pollici che circondano un nastro piegato ad alta velocità, ma in realtà i driver esterni sono utilizzati per la tecnologia 3D Array proprietaria di GoldenEar che annulla la distorsione di diafonia tra i due canali ed espande il palcoscenico sonoro.

Mentre l’obiettivo della mia recensione è il 3D Array XL, GoldenEar mi ha anche inviato un paio di SuperSat 3 (con supporti) e il subwoofer amplificato ForceField 5. Il SuperSat 3 utilizza gli stessi driver del 3D Array XL. Il ForceField 5 è dotato di un driver da 12 pollici alimentato, un driver "quadratico" passivo da 12,75 per 14,5 pollici e un amplificatore controllato da DSP da 1.500 watt. Il prezzo per tutti gli altoparlanti del sistema è estremamente ragionevole di $ 3.096: $ 1.599 per 3D Array XL, $ 249 per ogni SuperSat 3 e $ 999 per ForceField 5.

I lettori abituali ricorderanno che abbiamo recensito la soundbar originale GoldenEar SuperCinema 3D Arraycirca due anni fa. L’attuale gamma di array 3D aggiunge una seconda soundbar di dimensioni maggiori, oggetto di questa recensione. L’opzione di dimensioni maggiori potrebbe essere il cambiamento più visibile, ma GoldenEar ha anche apportato una significativa modifica interna alla tecnologia crossover utilizzata dai modelli di seconda generazione. Parlando con il sempre affabile Sandy Gross di GoldenEar, ho imparato qualcosa sull’accoppiamento Mag-X, per il quale GoldenEar ha appena ottenuto un brevetto. Non pretendo di aver capito esattamente come funziona, ma nel rivedere i miei appunti dopo la nostra conversazione ho trovato molti riferimenti a modifiche che sono state apportate per ridurre la distorsione e fornire una transizione più fluida tra i driver di gamma media e i tweeter.

Ho installato per la prima volta l’array 3D XL nel mio soggiorno sotto un televisore al plasma montato a parete, utilizzando un supporto fornito da GoldenEar. Dopo aver ascoltato casualmente l’array 3D XL per alcune settimane su un sistema basato su un ricevitore, l’ho spostato nella mia stanza di ascolto principale, dove l’ho posizionato su un mobile basso davanti a uno schermo di proiezione montato a parete, a circa 20 pollici da la parete frontale. Il ForceField 5 è stato posizionato appena a sinistra e davanti al 3D Array XL, e i SuperSat 3 sono stati posizionati a circa 18 pollici dalla parete posteriore. Ho usato il processore AV8802 di Marantz con amplificazione sia da Marantz che da Krell (non contemporaneamente) e cavi per altoparlanti Kimber Cable. L’installazione era leggermente diversa in quanto non usavo Audyssey, poiché il sistema Interaural Crosstalk Cancellation della soundbar che utilizza segnali sfasati dai driver più esterni provoca il caos su Audyssey e sistemi simili. Un po’ di tempo con un disco di prova e un misuratore del livello di pressione sonora ha fatto funzionare il sistema GoldenEar in breve tempo.

La prima cosa che ho notato ascoltando il 3D Array XL è stata la dimensione del palcoscenico: era enorme. Ascoltando "Money for Nothing" dall’album Brothers in Arms dei Dire Straits (SACD, Warner Brothers/Mobile Fidelity), il palcoscenico si estendeva lateralmente ben oltre i bordi esterni. I tweeter a nastro hanno fornito un’estensione e un dettaglio estremamente buoni, che senza dubbio hanno aiutato con l’ampio palcoscenico sonoro. Un pomeriggio, stavo ascoltando la musica in streaming dal sito web di Tidal attraverso il 3D Array XL (nessun canale posteriore attivo) e un mio amico audiofilo è passato e ha commentato quanto gli piacesse venire ad ascoltare il mio B&W 800 Diamonds. Mentre i B&W erano sistemati nella stanza, tutta la musica proveniva dall’array 3D XL in quel momento. Dopo aver ascoltato alcune canzoni, gli ho chiesto cosa ne pensasse della qualità del suono. Abbiamo discusso degli alti ariosi, della voce chiara e del palcoscenico sonoro espansivo. Le uniche critiche erano una gamma media inferiore leggermente incassata e una transizione imperfetta tra la gamma bassa e quella media. È rimasto sbalordito quando gli ho detto che stavamo ascoltando la soundbar GoldenEar situata tra i B&W.

Oltre ad ascoltare musica stereo tramite l’array 3D XL, ho guardato diversi film. Il dialogo era sempre comprensibile e facile da seguire. Le scene più dinamiche, come quelle di American Sniper (Blu-ray, Warner Home Video), sono state gestite bene a volumi da moderati a più alti; a volumi più bassi, sembrava che la gamma dinamica fosse in qualche modo ridotta in un modo simile a quello delle modalità "notturne" presenti su molti processori. Come con le sorgenti stereo, l’array 3D XL ha continuato a produrre un palcoscenico sonoro ampio e profondo, inclusa l’illusione dei canali posteriori, a volte. Durante un film per bambini, il genitore di uno degli amici di mio figlio ha commentato che pensava che i livelli del canale posteriore fossero leggermente bassi. Ho fatto finta di giocherellare con il mio processore, senza dirgli che i canali posteriori non erano attivi al momento,

Punti salienti
• L’array 3D XL riproduce un palcoscenico sonoro ben scalato che è competitivo con gli altoparlanti indipendenti di fascia alta, piuttosto che soffrire del palcoscenico sonoro compresso che affligge così tante soundbar.
• Il tweeter a nastro piegato ad alta velocità GoldenEar fornisce alti ben bilanciati e dettagliati.
• La chiarezza vocale era molto buona con il 3D Array XL, rendendo facile la comprensione dei dialoghi a qualsiasi livello di volume.

Punti bassi
• Ho trovato la regione dei medi bassi leggermente sottile e priva del peso dei miei diffusori di riferimento, il che non sorprende per una soundbar.
• Nonostante i miei migliori sforzi per regolare le frequenze di crossover, non sono riuscito a ottenere una transizione completamente fluida tra l’array 3D XL e il subwoofer ForceField. Il problema era abbastanza sottile da non distrarmi mai dalla musica o dai film che mi stavo godendo, ma era evidente se lo ascoltavi.

Confronto e concorrenza
Mentre le soundbar attive con amplificazione incorporata ed elaborazione del suono surround finto sembrano dominare il mercato, abbiamo recentemente esaminato alcune altre soundbar passive che meritano un’occhiata. Il Sonance SB46 è dotato di una dimensione del mobile regolabile per adattarsi alla larghezza del tuo televisore. La soundbar della serie Episode 500 utilizza un tweeter rialzato unico per una dispersione del suono più uniforme.

Recensione della soundbar GoldenEar SuperCinema 3D Array XLConclusione
Racconto le storie sul canale posteriore fantasma e la confusione con i B&W non per implicare che le prestazioni del 3D Array XL siano uguali a quelle dei B&W o che i canali posteriori non siano necessari per un palcoscenico posteriore convincente, ma per dimostrare quanto siano capaci l’array 3D XL è da solo. Vorrei almeno accoppiarlo con un piccolo subwoofer per riempire l’estremità inferiore; ma, se dovessi scegliere tra l’acquisto di una soundbar inferiore in modo da potermi permettere gli altoparlanti del canale posteriore o spendere qualche dollaro in più per l’array 3D XL, ritarderei l’acquisto dei canali posteriori.

La GoldenEar 3D Array XL è la soundbar con il miglior suono che abbia mai sentito. Anche se ho parlato dell’ampio soundstage di cui sopra, devo anche affermare che l’intera presentazione è stata abbastanza buona. Il 3D Array XL ha fatto un ottimo lavoro con la voce; con altre soundbar passive, mi sono spesso ritrovato ad alzare il volume per distinguere i dialoghi, cosa che non ho mai avuto a che fare con il 3D Array XL. Tutto era intelligibile a qualsiasi livello di volume.

Anche se normalmente associo le soundbar ai televisori e al suono surround, ho passato molto tempo ad ascoltare musica a due canali attraverso l’array 3D XL per vedere se potevo conviverci come unico sistema sia per la musica che per i film. In breve, la risposta è sì, potrei farlo… felicemente. Il 3D Array XL era un po’ più avanzato nella gamma media superiore rispetto ai miei altoparlanti di riferimento, ma gli eccellenti tweeter hanno mantenuto tutto liscio e dettagliato. Questa presentazione leggermente avanzata potrebbe essere stata parte del motivo per cui ha fatto un ottimo lavoro con le corde, siano esse chitarre o violini. I film sono stati soddisfacenti solo con 3D Array XL e ForceField 5 e senza altoparlanti posteriori. L’utilizzo di SuperSat 3 è stato creato per una presentazione senza interruzioni.

Ci sono dei sacrifici? Certo, ma possono essere ridotti al minimo e sono relativamente minori. Rispetto ai diffusori Triton di GoldenEar (che, in tutta onestà, ho ascoltato solo in altre stanze), il 3D Array XL non ha il peso o la velocità dei medi inferiori, né può immaginare un palcoscenico sonoro complesso con tanti dettagli e precisione. Potrei conviverci facilmente, dato che 3D Array XL fa tutto all’interno dei suoi limiti abbastanza bene.

Questo è stato il primo altoparlante GoldenEar che ho effettivamente testato a casa mia, ma di certo non sarà l’ultimo. L’array 3D XL è altamente raccomandato, anche se non sei limitato a un’installazione di tipo soundbar.

Risorse aggiuntive
• Dai un’occhiata alla nostra pagina della categoria Soundbar per leggere recensioni simili.
Altoparlante GoldenEar Triton Five Tower recensito su HomeTheaterReview.com.
GoldenEar lancerà la serie di subwoofer SuperSub su HomeTheaterReview.com.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More