Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensito

0

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensitoNel mondo del 4K, se desideri un proiettore 4K nativo, le opzioni sono limitate e il prezzo è alto. Aggiungi funzionalità desiderabili come High Dynamic Range e supporto colore DCI-P3 e il prezzo aumenta ancora. Ad esempio, il proiettore 4K nativo con HDR e P3 meno costoso di Sony costa $ 15.000.

Se sei disposto a scendere a compromessi su tutta quella cosa nativa, puoi risparmiare un sacco di soldi utilizzando un proiettore "4K Enhanced", che è tecnicamente un proiettore 1080p che utilizza lo spostamento dei pixel per creare una struttura di pixel più densa e simulare un Immagine 4K. Fino a poco tempo, il modello di spostamento dei pixel con il prezzo più basso in grado di offrire supporto colore sia HDR che DCI-P3 era il DLA-X750R di JVC che abbiamo recensito qui, che ha un prezzo richiesto di $ 6.999,95.

Con questo in mente, puoi capire perché Epson ha fatto girare molte teste con la sua recente introduzione dei proiettori LCD Pro Cinema 6040UB, Pro Cinema 4040 e Home Cinema 5040UB. Tutti i modelli utilizzano la tecnologia di spostamento dei pixel 4K Enhancement di Epson e supportano l’ingresso del segnale 4K con HDR e colore DCI-P3. Il prezzo richiesto è di $ 3.999 per il 6040UB, $ 2.999 per il 5040UB e $ 2.699 per il 4040. Questi proiettori non hanno la sorgente di luce laser che si ottiene nell’LS10000 di fascia alta e sono tradizionali design LCD, al contrario alla tecnologia LCD Reflective di LS10000 che è più vicina all’LCoS in termini di funzionalità. Ma poi di nuovo, il modello LS10000 non supporta l’HDR.

Epson mi ha inviato per la revisione il Pro Cinema 6040UB, che vanta 2.500 lumen di emissione luminosa, un rapporto di contrasto dinamico di 1.000.000:1, ottica migliorata rispetto ai suoi predecessori, certificazione ISF, riproduzione 3D e zoom motorizzato, messa a fuoco e memoria dell’obiettivo. (Il 4040 a basso prezzo ha una valutazione di 2.300 lumen e un rapporto di contrasto dinamico di 140.000:1, non ha la designazione Ultra Black e omette la certificazione ISF.) Tutti i modelli Pro sono venduti esclusivamente tramite i rivenditori Epson e hanno un limite di tre anni garanzia, un supporto a soffitto, una copertura per cavi e una lampada extra. L’Home Cinema 5040UB è essenzialmente lo stesso proiettore del 6040UB, venduto attraverso canali di vendita diretta come VisualApex.com senza gli extra (e ha una garanzia di due anni).

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensitoIl collegamento
Il Pro Cinema 6040UB è un po’ più sostanzioso dei suoi predecessori, sia per dimensioni che per peso. Misura 17,7 pollici di altezza per 20,5 di larghezza per 6,7 di profondità e pesa 24,3 libbre. L’armadio arrotondato ha una semplice finitura nera opaca ed è dotato di una lente centrale (con copriobiettivo automatico) affiancata da prese d’aria su entrambi i lati. Il 6040UB utilizza una lampada UHE da 250 watt, valutata da 3.500 a 5.000 ore a seconda della modalità lampada utilizzata. Un pannello di controllo si trova su un lato, con pulsanti per l’alimentazione, la sorgente, il menu, il controllo dell’obiettivo, l’uscita e la navigazione.

Sul retro troverai due ingressi HDMI; solo HDMI 1 è 2.0a con proiezione di copie HDCP 2.2 per l’uso con sorgenti Ultra HD, mentre HDMI 2 offre supporto MHL per collegare tablet, telefoni e stick di streaming compatibili. Il pannello di connessione include anche un ingresso per PC, ma non ci sono ingressi per componenti analogici o video compositi. Sono disponibili due porte USB: una consente gli aggiornamenti del firmware ed è alimentata per collegare un dongle HD wireless, mentre l’altra è progettata per essere utilizzata insieme a un cavo HDMI che necessita di un’alimentazione da 300 mA (una terza porta USB è solo di servizio). Nessuna delle porte USB supporta la riproduzione multimediale. C’è anche una porta Ethernet per consentire il controllo IP e sono inclusi anche RS-232 e un trigger da 12 volt.

Come di solito accade con i videoproiettori Epson di livello superiore, la configurazione del 6040UB è stata un gioco da ragazzi, grazie al suo generoso zoom 2,1x e al +/-96,3% di spostamento dell’obiettivo verticale e +/-47,1% orizzontale. Il rapporto di lancio è compreso tra 1,35 e 2,84. Ho posizionato il proiettore sul mio solito supporto in fondo alla stanza, che è alto 46 pollici e si trova a 12 piedi di distanza dal mio schermo a discesa Visual Apex da 100 pollici, e ho posizionato e messo a fuoco l’immagine in circa un minuto tempo (anche il controllo motorizzato della messa a fuoco e il pulsante Pattern di facile accesso sul telecomando hanno aiutato).

Il 6040UB ha sei opzioni di rapporto d’aspetto, inclusa una modalità anamorfica per accoppiare il proiettore con un obiettivo anamorfico per visualizzare immagini 2,35:1 senza barre nella parte superiore e pulsante. Una novità di quest’anno è la memoria motorizzata dell’obiettivo, con la possibilità di memorizzare fino a 10 diverse configurazioni.

Epson offre un’ampia varietà di regolazioni dell’immagine, a partire da sei modalità colore: Dynamic, Bright Cinema, Natural, Cinema, B&W Cinema e Digital Cinema. (Come ho già detto, questo è un proiettore certificato ISF, quindi gli installatori possono configurare le modalità ISF Day e ISF Night e bloccare le impostazioni). Le regolazioni avanzate dell’immagine includono: più preset di temperatura del colore, regolazione della tonalità della pelle e controlli di guadagno/bias RGB; un sistema di gestione del colore a sei punti; cinque preset gamma e la possibilità di personalizzare la gamma; tre modalità di consumo energetico (Eco, Medio e Alto) e un diaframma automatico con opzioni Normale e Alta velocità; e un menu 4K Enhancement che consente di abilitare/disabilitare la funzione di spostamento dei pixel. Il menu 4K include anche i controlli per le funzioni di riduzione del rumore, super risoluzione e miglioramento dei dettagli. L’interpolazione dei fotogrammi è disponibile per migliorare la risoluzione del movimento e ridurre le vibrazioni della pellicola; ci sono impostazioni per off, low, medium e high (parleremo delle prestazioni più avanti).

Oltre a queste basi, ci sono alcune nuove aggiunte degne di nota al menu Impostazioni. Epson ha aggiunto un diaframma manuale in 20 fasi dell’obiettivo per ottimizzare l’emissione luminosa del proiettore in base all’ambiente di visualizzazione. Adoro questa aggiunta perché chiunque utilizzi il 6040UB in un ambiente teatrale dedicato potrebbe non aver bisogno di tutta la luminosità di cui è capace questa cosa in ogni momento, e un diaframma manuale ti offre un grado di controllo molto più fine rispetto al diaframma automatico e alle modalità lampada .

Esplora le opzioni avanzate nel menu Segnale e troverai i controlli per Spazio colore e Gamma dinamica. Qui è dove puoi regolare la configurazione per le funzioni Wide Color Gamut e High Dynamic Range del 6040UB. Per fortuna, Epson ha incluso le opzioni Auto per entrambi, consentendo al videoproiettore di rilevare automaticamente quando riceve un segnale HDR e il colore Rec 2020 da una sorgente UHD e di adattare di conseguenza l’output. Tuttavia, puoi anche impostare manualmente il proiettore per il colore BT.709 o BT.2020 e scegliere tra quattro modalità HDR. La differenza tra le quattro modalità è principalmente nel reparto di luminosità (come meglio posso dire), con HDR1 che è il più luminoso e HDR4 il più scuro. Quando si lascia il proiettore in modalità Auto, si ottiene l’uscita HDR2 per impostazione predefinita. Attenzione, se esci dalle modalità Auto, il proiettore non tornerà alle impostazioni di output corrette per il contenuto SDR. Dovrai farlo manualmente.

Infine, poiché si tratta di un proiettore 3D, ci sono anche due modalità colore 3D (3D Dynamic e 3D Cinema), oltre alla possibilità di regolare la profondità e la luminosità 3D, invertire gli occhiali, impostare le dimensioni dello schermo e abilitare 2D- conversione in 3D.

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensitoPrestazioni
Inizio sempre il mio processo di valutazione ufficiale misurando ciascuna delle modalità di immagine di un display per vedere quale è la più vicina agli standard di riferimento fin da subito. Spesso è una scommessa sicura che la modalità chiamata Cinema o Teatro sarà la più precisa; tuttavia, nel caso del Pro Cinema 6040UB, la modalità Natural era la più vicina agli standard di riferimento HD…molto vicina, in effetti.

Usando il mio misuratore Xrite I1Pro 2, il software Spectracal CalMAN e il generatore di pattern DVDO Duo, ho misurato l’errore Delta massimo della scala di grigi della modalità Naturale a soli 4,04 (qualsiasi cosa sotto cinque è considerato buono, qualsiasi cosa sotto tre è considerata impercettibile). Il bilanciamento del colore RGB era abbastanza uniforme, con solo una leggera spinta verso il blu all’estremità più luminosa e la media della gamma era 2,17. La precisione del colore della modalità Naturale è stata particolarmente impressionante; tutti e sei i punti di colore avevano un Delta Error ben inferiore a tre (il meno accurato era il verde a soli 1,35). Se non desideri pagare per una calibrazione professionale, la modalità Naturale ti porterà la maggior parte del percorso fin da subito.

Per coloro che potrebbero prendere in considerazione la calibrazione, ho eseguito una calibrazione standard e ho ottenuto risultati ancora migliori. Ho rafforzato il bilanciamento del colore RGB, regolato la gamma su 2,33 più degno di un teatro (il nostro obiettivo per i proiettori è 2,4) e abbassato l’errore Delta massimo a 3,66. Non ho regolato i sei punti di colore perché erano eccellenti così com’è. Ma per la cronaca, ho anche provato a calibrare la modalità immagine Cinema, che aveva punti di colore altamente sovrasaturati, e il CMS non poteva davvero fare molto per risolverlo.

Anche la modalità Naturale è molto luminosa, misurando circa 52 piedi-lambert con un campo completamente bianco sul mio schermo da 100 pollici con diagonale e guadagno di 1,1. È fantastico se prevedi di guardare molti contenuti durante il giorno o con le luci della stanza accese, ma probabilmente è troppo luminoso se guarderai i contenuti principalmente in una stanza completamente buia. La buona notizia è che sono stato in grado di ridurlo facilmente a circa 20-25 piedi-L durante la calibrazione passando alla modalità lampada Eco e quindi regolando manualmente il diaframma dell’obiettivo per arrivare esattamente dove volevo.

La modalità Bright Cinema è un’altra valida scelta per la visione diurna o in ambienti luminosi. È un po’ meno preciso della modalità Naturale sia a colori che in scala di grigi, ma ha misurato ugualmente la luminosità, a 53 ftL. La modalità dinamica è davvero brillante, misurando ben 95 piedi-L, ma è anche molto imprecisa.

Date le capacità di alta luminosità di questo proiettore, si potrebbe presumere che avrebbe difficoltà a rendere un livello di nero degno di un vero teatro. Si sbaglierebbe. Ho fatto un confronto testa a testa tra il 6040UB e il BenQ HT6050, che vanta anche una buona luminosità dell’immagine (sebbene non sia brillante come l’Epson), e non c’è stato davvero alcun confronto. Il 6040UB ha prodotto un livello di nero notevolmente più scuro in ogni scena demo che ho usato, inclusi Gravity, Flags of Our Fathers, The Bourne Supremacy e Mission Impossible: Rogue Nation. Per la visione di film in una stanza buia, il miglior livello di nero aggiungeva quel grado extra di ricchezza e saturazione dell’immagine, e il 6040UB ha anche fatto un ottimo lavoro nel rendere i minimi dettagli del nero in scene complesse. Eppure aveva anche l’emissione di luce per far risaltare le scene più luminose,

Quando ho recensito il BenQ HT6050, ho commentato quanto fosse nitida e dettagliata l’immagine del BenQ rispetto al vecchio Epson 5020UB. Ora, confrontandolo con il nuovo 6040UB con 4K Enhancement abilitato, ho trovato l’immagine di Epson un po’ più nitida e dettagliata. Ho visto una maggiore chiarezza nei dettagli fini dello sfondo. La funzione 4K Enhancement include cinque preset; più alto aumenta il numero, più "miglioramento" vedrai, e questo include vedere il miglioramento del bordo artificiale. Ho preferito il Preset 1 o 2, che ha fornito un grande senso di dettaglio aggiunto senza far sembrare l’immagine troppo elaborata artificialmente.

Con la funzione Frame Interpolation del 6040UB disattivata, la risoluzione del movimento del proiettore è alla pari con altri proiettori LCD che ho testato. Con il mio modello di prova FPD Benchmark, il 6040UB ha prodotto linee pulite su DVD 480 durante le sequenze di movimento, ma le linee per HD 720 e versioni successive erano sfocate. Ancora una volta, questo è nella media. L’abilitazione dell’interpolazione dei fotogrammi migliorerà la risoluzione del movimento, ma è davvero necessario utilizzare la modalità Alta per vedere un miglioramento significativo e quella modalità aggiunge un sacco di uniformità e sbavature artificiali. La modalità Bassa fornisce solo un piccolo miglioramento. Questo punto è alquanto discutibile, tuttavia, dal momento che non è possibile attivare l’interpolazione dei fotogrammi quando è abilitata la funzione 4K Enhancement. Dal momento che non mi piace comunque l’interpolazione dei fotogrammi, sceglierò ogni volta il miglioramento 4K.

Poi c’erano alcune demo 3D. Il Pro Cinema 6040UB non viene fornito con occhiali 3D; Ho preso un vecchio paio di occhiali Epson ELPGS03 RF ($ 99) che avevo ancora da una recensione precedente. Non sorprende che, date le ottime prestazioni del proiettore con contenuti 2D, le mie demo 3D di Life of Pi, L’era glaciale 3 e Monsters vs. Aliens sembravano fantastiche. L’elevata emissione di luce ha aiutato le immagini 3D a mantenere un’ottima saturazione e a passare attraverso gli occhiali, il colore era ricco, il dettaglio era eccezionale e non ho visto casi evidenti di ghosting o diafonia.

Passiamo ora ai contenuti Blu-ray Ultra HD e discutiamo della gestione da parte del proiettore di HDR e Wide Color Gamut. Tra i lati positivi, il 6040UB non ha avuto problemi ad accettare l’uscita del segnale 4K/24 e 4K/60 dai lettori UHD Samsung UBD-K8500 e Philips BDP7501. All’inizio, Epson non ha rilevato correttamente i segnali HDR dal Samsung ; anche se il lettore ha superato una risoluzione 4K, ha superato solo i segnali a colori Rec 709 e Standard Dynamic Range. Tuttavia, dopo aver eseguito l’ultimo aggiornamento del firmware sul lettore Samsung, ha funzionato perfettamente con Epson per passare i segnali a colori e HDR Rec 2020. La Philips ha funzionato bene fin dall’inizio. Epson mi ha detto che l’Xbox One non trasmette correttamente l’HDR al 6040UB in questo momento.

L’ultimo proiettore con capacità HDR che ho recensito è stato il JVC DLA-X750R, ed era a malapena plug-and-play. Ho dovuto apportare tutti i tipi di regolazioni manuali dell’immagine al proiettore per visualizzare correttamente il contenuto HDR. Da questo punto di vista, questa Epson era molto meglio. Grazie alle modalità Auto nei menu Spazio colore e Gamma dinamica, il proiettore ha rilevato automaticamente il contenuto HDR e si è regolato di conseguenza.

L’unica cosa che non fa automaticamente è passare a una modalità immagine adatta, ed è qui che ci imbattiamo in un dilemma con il 6040UB. Epson consiglia la modalità Bright Cinema per HDR perché è così, beh, luminosa. No, non si avvicina da nessuna parte all’attuale target di 1.000 nit che vedrai sul televisore. Ho misurato una luminosità massima di 65 ftL (223 nits) con un campo completamente bianco (purtroppo il mio misuratore non è abbastanza preciso per fare una finestra del 10 percento con un proiettore). Tuttavia, va bene per un proiettore ed è molto più luminoso del modello JVC (che misurava un massimo di circa 45 ftL o 154 nits).

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensitoIl problema è che la modalità Bright Cinema non è in grado di riprodurre la gamma di colori DCI-P3 più ampia. L’unica modalità possibile è la modalità Digital Cinema del 6040UB, che ha un’emissione luminosa massima di circa 30 ftL. A destra ci sono due tabelle di colori: la tabella in alto mostra quanto si avvicina la modalità Digital Cinema alla gamma di colori DCI-P3 e la tabella in basso mostra quanto la modalità Bright Cinema si avvicina ad essa. Quindi, devi decidere quale apprezzi di più nella visione di contenuti UHD: maggiore luminosità per HDR o gamma di colori più ampia. Non puoi avere entrambi, ed è un peccato.

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensitoPartendo dal presupposto che molte persone sceglieranno l’immagine più luminosa (ehi, almeno il colore sembra risaltare di più), ho guardato i contenuti Blu-ray UHD principalmente in modalità Bright Cinema e sono passato manualmente alla gamma dinamica HDR1 modalità perché è chiaramente la più luminosa e sembra più coinvolgente rispetto alla modalità HDR2 predefinita. (Epson afferma che presto offrirà un aggiornamento del firmware che ti darà la possibilità di utilizzare HDR 1 come modalità automatica predefinita.)

So che c’è un sacco di tech mumbo-jumbo che hai appena dovuto leggere. Quindi lasciami concludere dicendo questo: i contenuti Blu-ray Ultra HD sembravano fantastici. Tutti i punti di forza che portano a un’ottima immagine HD (l’eccezionale resa luminosa, il livello di nero profondo, l’eccellente dettaglio e il colore naturale) hanno prodotto immagini meravigliose anche con The Revenant, Insurgent, The Martian e Sicario in Ultra HD. Nei capitoli 12 e 13 di Sicario, quando gli agenti attraversano il tunnel sotterraneo, l’Epson ha gestito molto bene la complessa interazione tra luci e ombre e il livello di dettaglio e nitidezza era eccezionale.

Fai clic sulla pagina due per le misurazioni, il lato negativo, il confronto e la concorrenza e la conclusione…

Misure
Ecco le misure per il Pro Cinema 6040UB, creato utilizzando il software CalMAN di Spectracal. Fare clic su ciascun grafico per visualizzarlo in una finestra più grande.

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensito

Proiettore LCD Epson Pro Cinema 6040UB recensito

I grafici in alto mostrano il bilanciamento del colore della TV, la gamma e l’errore delta totale della scala di grigi, al di sotto e dopo la calibrazione. Idealmente, le linee rossa, verde e blu saranno il più vicine possibile per riflettere un equilibrio cromatico uniforme. Attualmente utilizziamo un target gamma di 2,2 per i televisori ad alta definizione e 2,4 per i proiettori.

Il grafico in basso mostra dove cadono i sei punti di colore sul triangolo Rec 709, così come l’errore di luminanza (luminosità) e l’errore Delta totale per ciascun punto di colore. Sia per la scala di grigi che per il colore, un errore delta inferiore a 10 è considerato tollerabile, inferiore a cinque è considerato buono e inferiore a tre è considerato impercettibile all’occhio umano. Per ulteriori informazioni sul nostro processo di misurazione, consulta Come valutiamo e misuriamo i televisori ad alta definizione.

Lo
svantaggio Direi che il più grande svantaggio è quello che ho già descritto sopra: non è possibile ottenere la massima luminosità e una gamma di colori più ampia nella stessa modalità immagine. Oltre a ciò, l’anello più debole del 6040UB nel reparto prestazioni è la sua elaborazione video. Il proiettore non è riuscito a deinterlacciare correttamente i segnali 480i e 1080i basati su film e video. Nelle scene demo del DVD 480i di Gladiator e The Bourne Identity, ho visto un sacco di frastagliature e moiré. Sicuramente vorrai lasciare che i tuoi dispositivi sorgente o un processore esterno gestiscano qualsiasi attività di deinterlacciamento.

La modalità ad alta velocità per il diaframma automatico non funziona molto bene. Produce molte fluttuazioni di luminosità innaturali e fa molto rumore. Fortunatamente, la modalità Normale funziona abbastanza bene: raramente ho visto bruschi cambiamenti di luminosità ed è più silenziosa durante il funzionamento, quindi ti consiglio di attenerti a quella se intendi attivare il diaframma automatico.

La modalità Lampada alta, che offre la migliore emissione di luce per la visione diurna e i contenuti HDR, produce una quantità abbastanza elevata di rumore della ventola e quel rumore fluttua un po’ mentre l’iris automatico svolge le sue funzioni. Ho sicuramente sentito più forte da altri proiettori e con il mio sistema audio surround completo attivato a livelli da modesti ad alti, non l’ho notato troppo. Nei passaggi silenziosi, tuttavia, potevo certamente sentirlo (ovviamente, il proiettore si trovava proprio dietro la mia testa).

Confronto e concorrenza
In termini di prezzo e caratteristiche, il concorrente diretto di Epson Pro Cinema 6040UB è il proiettore JVC DLA-X550R LCoS, anch’esso a $ 3.999. Il modello JVC offre supporto 4K e HDR, utilizza una tecnologia di spostamento dei pixel simile e, secondo quanto ho letto altrove, ha un livello di nero migliore, ma non supporta la gamma di colori DCI-P3 più ampia, né è brillante come il Epson.

Ho usato il BenQ HT6050 da $ 3.799 per il confronto in questa recensione. L’HT6050 è un proiettore DLP solo 1080p senza supporto 4K o HDR. È un proiettore molto preciso e dettagliato, ma né l’emissione di luce né il livello di nero corrispondono a quelli dell’Epson.

Infine, c’è il Sony VPL-HW65ES da $ 3.999, che è un proiettore LCoS solo 1080p senza supporto 4K o HDR. Non ho recensito questo modello.

Ovviamente, se non sei interessato alle funzionalità 4K Enhancement o HDR, ci sono molti proiettori 1080p a basso prezzo tra cui scegliere, anche se non sono sicuro che ne troverai uno che offra una migliore combinazione di emissione di luce e livello nero.

Conclusione
Epson ha lanciato la sfida con il Pro Cinema 6040UB da $ 3.999, forse ancora di più con il suo gemello quasi identico, l’Home Cinema 5040UB da $ 2.999. Combinare un livello di prestazioni così elevato (dettagli eccellenti, luminosità elevata, livello di nero profondo e colori intensi) con un elenco così completo di funzioni (ingresso segnale 4K, supporto colore HDR e DCI-P3, memoria obiettivo, obiettivo manuale diaframma e zoom/messa a fuoco motorizzati) a questi prezzi rende i nuovi modelli terribilmente difficili da battere. Vuoi guardare lo sport durante il giorno? Vuoi goderti un’ottima immagine HDTV o un film Blu-ray di qualità cinematografica digitale di notte? Ti piace ancora l’occasionale film in 3D? Vuoi tuffarti nel Blu-ray Ultra HD senza spendere troppo? Il Pro Cinema 6040UB ti copre su tutti i fronti. Sì, ci sono alcuni sacrifici da fare: non è 4K nativo, e non puoi ottenere il complemento completo delle funzionalità UHD nella stessa modalità immagine. Ma non è davvero una sorpresa a questo prezzo. Nel complesso, non posso elogiare abbastanza il Pro Cinema 6040UB. È un ottimo proiettore.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More