Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Ricevitore AV Yamaha Aventage RX-A3050 recensito

0

Ogni produttore ha una politica diversa per il controllo delle versioni. Alcuni produttori aspetteranno cinque o anche 10 anni prima di offrire il prossimo modello, che offrirà miglioramenti drastici in termini di qualità e/o caratteristiche. Altri offriranno un nuovo modello ogni anno per scopi di marketing, quando differenze quasi impercettibili tra gli anni dei modelli rendono molto difficile giustificare l’acquisto di una nuova unità. È come quando una casa automobilistica cambia gli anni modello. Hanno cambiato il motore e la trasmissione o hanno semplicemente cambiato leggermente la forma dei fari?

L’anno scorso ho avuto il piacere di recensire la Yamaha RX-A3040.
Di recente, la società mi ha inviato il modello successivo, il ricevitore Aventage RX-A3050 a 9,2 canali da $ 2.199,95. Quindi, ora ho l’opportunità di scoprire cosa significa Yamaha quando dicono di aver introdotto un nuovo modello. (Ironia della sorte, mentre stavo finendo questa recensione, Yamaha ha annunciato un modello ancora più nuovo, l’RX-A3060, che ha lo stesso prezzo di $ 2.199,95 e potrebbe essere disponibile quando leggerai questo articolo. Discuteremo le differenze tra il 3050 e 3060 alla fine.)

Ricevitore AV Yamaha Aventage RX-A3050 recensitoThe Hookup
ucciderò presto parte della suspense riconoscendo che molti dei componenti e delle caratteristiche dell’RX-A3040 e dell’RX-A3050 sono simili. L’elaborazione del suono è basata sulle stesse piattaforme DAC ESS SABRE32 Ultra DAC ES9016 e SABRE ES9006A, anche se un’attenta ispezione dei numeri di modello noterà che l’RX-A3050 contiene la versione aggiornata di quelle piattaforme di chip e, con essa, eventuali miglioramenti che ESS potrebbe hanno fatto. La risposta in frequenza, la potenza e altre specifiche (comprese le dimensioni fisiche) sono praticamente invariate. Piuttosto che ripassare l’intero elenco di funzionalità, evidenzierò gli aggiornamenti (e intendo aggiornamenti, non solo modifiche) che probabilmente contano di più per i lettori qui.

Una delle mie principali lamentele sull’RX-A3040 era che la mancanza di conformità HDCP 2.2 rendeva l’unità obsoleta di fronte ai formati futuri previsti all’epoca, poiché sapevamo che il Blu-ray Ultra HD era dietro l’angolo. L’RX-A3050 è dotato di due uscite HDMI compatibili con HDCP 2.2 e sette ingressi HDMI compatibili con HDCP 2.2 sul pannello posteriore e il ricevitore supporta video Ultra HD 4K/60 con compatibilità HDR e BT2020. Per quanto riguarda l’audio, Yamaha ha aggiunto la decodifica DTS:X, oltre al Dolby Atmos che abbiamo ottenuto con il 3040. Sono molti gli aggiornamenti per rendere l’unità a prova di futuro.

Yamaha ha reso lo streaming audio wireless un tema centrale per lo sviluppo tecnologico con questo modello, aggiungendo la sua nuova piattaforma MusicCast. In competizione con tecnologie simili come Sonos, Denon Heos e DTS Play-Fi, MusicCast ti consente di trasmettere musica in streaming su una varietà di dispositivi sulla rete domestica e di configurare configurazioni multi-room. Il sistema è incentrato su un’app che puoi scaricare per il tuo dispositivo mobile per trasmettere musica in streaming attraverso il ricevitore a altoparlanti abilitati MusicCast in varie posizioni.

Yamaha ha anche introdotto Rohm Semiconductors per aiutare a riprogettare il controllo del volume per ridurre il rumore, una migliore chiarezza e separazione dei canali. Anche l’architettura dell’alimentatore è stata perfezionata per una migliore separazione dell’alimentazione per l’audio digitale e analogico.

La mia console di gioco Playstation 3 ha guidato la maggior parte dei dischi fisici e dei video in streaming che ho utilizzato per i test. Nel frattempo, l’attenzione del ricevitore sull’audio basato sugli oggetti significava che dovevo aggiungere più altoparlanti del mio solito complemento. PSB ha gentilmente fornito un sistema Imagine X completo: gli altoparlanti a torre Imagine X2T fungevano da canali anteriori sinistro e destro, insieme all’Imagine XC Center, un paio di scaffali Imagine XB per i surround, un subwoofer Sub 200 e quattro Imagine XA up- accendendo i moduli di altoparlanti Atmos (recensione imminente) per completare un sistema surround 5.1.4 completo.

I collegamenti provenivano tutti da Wireworld, inclusi i miei fidati cavi di interconnessione Wireworld Silver Eclipse 7, cavi Starlight 7 HDMI e cavi per altoparlanti Oasis 7/Soltice 7.

Configurare YPAO, il programma di correzione ambientale automatizzato di Yamaha, è stato un gioco da ragazzi utilizzando il menu su schermo, proprio come lo era sul precedente modello 3040.

Ricevitore AV Yamaha Aventage RX-A3050 recensitoPerformance
Ho iniziato con un po’ di musica anni ’80. Ascoltare tutti i grandi di Madonna nel suo CD di Immaculate Collection (Sire/Warner) è stato un piacere. La voce di Madonna era chiara, liscia e olografica. Le chitarre elettriche di sottofondo suonavano nitide e molto dettagliate. L’introduzione elettronica, pensata per simulare una stella scintillante, suonava distinta e, in mancanza di una parola migliore, brillante. Con la musica a due canali, la qualità del suono dell’RX-A3050 era impeccabile come il modello dell’anno scorso. Su questo, e su qualsiasi altra musica che ho lanciato, la Yamaha si è davvero tolta di mezzo, consentendo agli altoparlanti PSB di fare la loro magia.

La riduzione del volume a livelli di ascolto moderati ha mostrato alcuni dei miglioramenti di Yamaha. Mentre ovviamente ho perso la scala della performance quando ho ridotto il volume (soprattutto nei segnali spaziali), ho scoperto che, anche a volumi molto modesti, ero in grado di sentire una netta separazione di molti elementi: voci principali, voci di sottofondo, strumenti e simili. Ciò era particolarmente utile per le situazioni di ascolto notturno. È passato un po’ di tempo da quando ho effettivamente recensito il modello 3040 e non ho potuto fare un confronto fianco a fianco. Ma posso dire che, dal punto di vista del rumore, il nuovo modello 3050 è decisamente molto silenzioso, consentendo sfondi neri come l’inchiostro e un’elaborazione molto pulita.

Yamaha mi ha anche fornito uno dei nuovi altoparlanti Wi-Fi WX-030 per testare la capacità MusicCast dell’RX-A3050. Scaricare l’app sul mio Samsung Note 5 è stato indolore e mi ha consentito la versatilità di inviare servizi di streaming e file musicali dal mio telefono all’altoparlante WX-030 in un’altra stanza. La qualità dipendeva dal mio segnale Wi-Fi (fornito tramite un router Comcast notoriamente instabile) e da dove all’interno dell’altra stanza ho posizionato l’altoparlante WX-030. A volte, la qualità del suono era buona. Altre volte, potevo sentire la qualità degradare leggermente e persino interrompersi. Maggiore è la risoluzione del file che ho riprodotto, peggio è diventato. La morale della storia è che MusicCast può essere un ottimo modo per trasmettere la musica a più zone in modo conveniente, ma è buono solo quanto il segnale e le apparecchiature Wi-Fi.

L’unico miglioramento offerto da questo modello 3050 che l’audiofilo in me ha apprezzato è stata la capacità di riprodurre file in formato Double DSD (5,6 MHz). Ho tirato su il movimento Allegro del Concerto per violino numero quattro di Mozart in re maggiore (2L/TrondheimSolistene). Qui il violino di Marianne Thorsen è stato riprodotto in modo spettacolare. Potevo sentire tutti i piccoli dettagli della trama nelle corde. La potenza era adeguata per ascoltare una forte dinamica e scala… buono come qualsiasi altro ricevitore che ho sentito (tranne alcuni con quantità brutali di potenza, come forse l’Arcam che Dennis Burger ha recensito qui.

Tuttavia, sarei negligente se non menzionassi che le prestazioni dell’elaborazione del suono e della preamplificazione dello Yamaha Aventage RX-A3050 hanno superato di gran lunga la sezione dell’amplificatore con cui è accoppiato nella stessa scatola. È come un fratello più eccezionale accoppiato nello stesso utero con un gemello fraterno più medio (in confronto). Ad esempio, quando ho collegato l’RX-A3050 al Outlaw Model 5000 che ho recensito in precedenza, ho notato una differenza significativa. La dinamica era più forte e con maggiore immediatezza, poiché l’orchestra si affievoliva e svaniva in mezzo all’assolo di violino. La piena fioritura orchestrale aveva una maggiore profondità e scala a un livello molto più grande.

Sono sempre stato un grande fan del software di correzione automatica della stanza YPAO di Yamaha, che ritengo non sia secondo a nessuno e una testa e spalle al di sopra di alcuni degli altri là fuori come Audyssey. Non è solo la scena sonora e il posizionamento dei suoni nello spazio che YPAO fa bene, ma la sua vera forza sta nella sua capacità di trasmettere una sensazione molto semplice e naturale che lo distingue dagli altri algoritmi. Con Star Wars: Il risveglio della Forza (Disney/Lucasfilm, Blu-ray), il 3050 non ha deluso. La battaglia con la spada laser nella scena della neve verso la fine del film ha esemplificato questo in modo esemplificativo, poiché il ricevitore ha presentato il suono del vento e della neve in un modo naturale che è stato un piacere per i sensi. I suoni della spada laser non sono mai stati fuori luogo, elaborati o artificiali. La Yamaha ha articolato eccezionalmente bene la direzione e il posizionamento della spada laser. Quando le spade laser si sono scontrate e un lato è diventato dominante, la Yamaha ha gestito la dinamica in modo bello e molto naturale. La rappresentazione della scena è stata perfetta e mi ha messo nel bel mezzo di tutta l’azione.

Infine, dovevo solo testare come il 3050 gestirebbe il materiale DTS:X. Al momento in cui scrivo, non c’erano molti titoli disponibili per la selezione, ma Gods of Egypt (Lionsgate, Blu-ray) ha funzionato bene a scopo di test. In questo film, alcuni dei personaggi erano divinità egizie alte più di otto piedi. Quindi, per impostazione predefinita, ogni scena in cui c’era interazione tra un dio e personaggi umani standard era un test per la Yamaha per mostrare la sua gestione della codifica DTS:X. Spaziale e direzionale il 3050 si occupava degli affari con uno stile molto concreto. Potevi sempre sentire che gli dei erano più alti degli umani; e, quando parlavano loro in basso, si sentiva la direzionalità di una figura molto più alta che parlava in basso verso una più bassa. In molte scene in cui gli edifici erano alti e cavernosi, la Yamaha ha davvero brillato nel ritrarre un senso di quello spazio e quel riverbero simile all’eco, ancora una volta, in modo molto naturale e dichiarato com’era. La scena del combattimento finale ha coinvolto gli dei Orazio e Set, che combattono in cima a una torre alta centinaia di piedi. La scena è completa di falchi volanti, esplosioni e il crollo finale dell’intera torre stessa. Questo è stato probabilmente uno dei display più impressionanti di formati audio 3D che ho sentito fino ad oggi. Quando la telecamera ha eseguito una panoramica di più angolazioni, hai sentito il palcoscenico sonoro passare da pochi piedi di altezza a poche centinaia di piedi e passare istantaneamente dal suono parallelo all’ascoltatore al suono che si trova sopra l’ascoltatore. che combattono in cima a una torre alta centinaia di piedi. La scena è completa di falchi volanti, esplosioni e il crollo finale dell’intera torre stessa. Questo è stato probabilmente uno dei display più impressionanti di formati audio 3D che ho sentito fino ad oggi. Quando la telecamera ha eseguito una panoramica di più angolazioni, hai sentito il palcoscenico sonoro passare da pochi metri di altezza a poche centinaia di piedi e passare istantaneamente dal suono parallelo all’ascoltatore al suono che si trova sopra l’ascoltatore. che combattono in cima a una torre alta centinaia di piedi. La scena è completa di falchi volanti, esplosioni e il crollo finale dell’intera torre stessa. Questo è stato probabilmente uno dei display più impressionanti di formati audio 3D che ho sentito fino ad oggi. Quando la telecamera ha eseguito una panoramica di più angolazioni, hai sentito il palcoscenico sonoro passare da pochi metri di altezza a poche centinaia di piedi e passare istantaneamente dal suono parallelo all’ascoltatore al suono che si trova sopra l’ascoltatore.

Senza confrontare direttamente il 3040 e il 3050 utilizzando la stessa pellicola, non posso affermare in modo definitivo che il 3050 è significativamente migliore. Ma dirò questo: sono entrato in questa recensione ricordando che la versione 3040 di YPAO mi ha impressionato per quanto riguarda il modo in cui ha gestito il materiale Dolby Atmos, e il 3050 è comunque riuscito a sorprendermi per quanto fosse buono.

Il
rovescio della medaglia L’unico vero aspetto negativo, come ho detto in precedenza, è che la sezione dell’amplificatore non è neanche lontanamente così forte come la preamplificazione e l’elaborazione. Questo non vuol dire che non ci sia potenza sufficiente. La Yamaha aveva una potenza più che sufficiente per alimentare gli altoparlanti PSB per quasi tutto il materiale musicale o cinematografico che gli lanciavo, ma è stato solo quando ho usato le preout per collegare l’amplificazione esterna che ho davvero fatto brillare gli altoparlanti. Ciò era particolarmente evidente con le scene più impegnative in materiale Atmos e DTS:X, quando avevo bisogno che tutti e undici gli altoparlanti si attivassero contemporaneamente. Ancora una volta, questo non è necessariamente un colpo alla Yamaha sulla potenza, solo che questo ricevitore eccelle molto più come controller e preamplificatore che come amplificatore.

Confronto e competizione
Il set competitivo più naturale di Yamaha sembra provenire da altri produttori che provengono tutti anche dal Giappone. Il Denon AVR-X6200W e il Marantz SR-7010 sono entrambi venduti allo stesso prezzo di $ 2,199 della Yamaha. I modelli Denon e Marantz offrono la compatibilità Auro 3D (come aggiornamento a un costo aggiuntivo); e, data la reputazione di quelle società, potresti ottenere un’amplificazione più potente. Ma l’uso continuato da parte di Denon/Marantz del vecchio software di correzione ambientale Audyssey è uno svantaggio rispetto all’YPAO Yamaha, soprattutto se Atmos e DTS:X sono importanti per te.

Anche l’Onkyo TX-NR3030, come lo Yamaha, è un ricevitore a undici canali, ma ha quattro preout per subwoofer invece di due. Inoltre, è un vero ricevitore a undici canali, nel senso che la sezione dell’amplificatore fornisce alimentazione per tutti gli undici canali, mentre lo Yamaha fornisce solo nove canali. Se desideri una configurazione completa a undici canali utilizzando la Yamaha, dovrai trovare l’amplificazione esterna per quei due canali extra. Ma a $ 2.500 al dettaglio, l’Onkyo costa un po’ di più. Il mio incontro con la prima iterazione di AccuEQ di Onkyo, che tra i suoi numerosi difetti ha apportato modifiche al subwoofer o ai canali anteriori sinistro e destro, non mi ha impressionato. Tuttavia, secondo la recente recensione di Dennis Burger, l’ultima iterazione è notevolmente migliorata. Lascio a te, lettore, per fare un’audizione per te stesso se il miglioramento è sufficiente per essere all’altezza dell’YPAO di Yamaha. (https://mediadoma.com/it/ricevitore-av-a-7-2-canali-onkyo-tx-rz900-recensito )

Infine, con un passaggio fino a $ 3.499, hai Anthem MRX-1120. L’Anthem è un ricevitore completo a undici canali e il suo famoso Anthem Room Correction rivaleggia con qualsiasi software di correzione ambientale esistente. E l’elaborazione e l’amplificazione video di Anthem soddisferanno sicuramente.

Come ho detto nell’introduzione, la nuova Yamaha RX-A3060 dovrebbe essere disponibile nel momento in cui leggerai questo. In cosa differisce dal 3050? Secondo Yamaha, ecco le differenze principali: il 3060 ha un nuovo amplificatore di potenza che consente 5.1.2 e bi-amplificazione; una zona dei bassi extra per le zone due e tre; un volume di zona; equalizzazione di precisione con elaborazione a 64 bit e 3D; una nuova interfaccia grafica HD; Il supporto USB per iPod/Apple è stato rimosso; la gamma di equalizzazione del subwoofer è stata estesa da 15,6 Hz a 250 Hz (l’RX-A3050 offre da 31,3 Hz a 250 Hz); e c’è un nuovo overlay di programma DSP per Dolby Atmos e DTS-X. L’RX-A3060 ha lo stesso prezzo consigliato di $ 2.199,95 dell’RX-A3050.

Conclusione
Proprio come il 3040 dell’anno scorso, lo Yamaha Aventage RX-A3050 offre un sintoamplificatore ad alte prestazioni ricco di funzionalità con elaborazione del suono e correzione automatica della stanza ai vertici della categoria, con un notevole rapporto qualità-prezzo. Questo modello migliora l’ultimo con una compatibilità a prova di futuro molto migliore sia nei formati che nelle connessioni. Quelli di voi che hanno altoparlanti che rappresentano un carico difficile da guidare o che hanno le più alte aspettative in termini di suono potrebbe dover considerare invece dei separati o almeno aggiungere la propria amplificazione. (Yamaha offre il preamplificatore CX-A5100 e l’amplificatore MX-A5000 per queste esigenze) Se sei alla ricerca di un nuovo ricevitore e il prezzo è giusto, devi portare la Yamaha a fare un giro di prova.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More