Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Amazon sta soffrendo una crisi di identità?

0

Probabilmente sai che Amazon ha recentemente introdotto il suo lettore multimediale in streaming Fire TV di seconda generazione, che supporta lo streaming 4K, utilizza un processore più veloce, offre una ricerca vocale più completa e include memoria interna. (Ho appena raccolto un campione per la revisione, quindi resta sintonizzato.) Quello che potresti non aver sentito è quello che è successo pochi giorni dopo, quando Amazon ha annunciato che non avrebbe più venduto prodotti di streaming Apple e Google concorrenti tramite Amazon.com. Secondo Bloomberg, Amazon ha inviato un’e-mail ai venditori del suo marketplace informandoli di questo cambiamento di politica, ordinando che tutto l’inventario esistente fosse rimosso entro il 29 ottobre.

Secondo quanto riferito, il motivo per cui Amazon ha interrotto Apple e Google è perché i prodotti multimediali in streaming di quelle società non "interagiscono bene" con il servizio di streaming video istantaneo di Amazon. I proprietari di prodotti Apple TV e Chromecast potrebbero aver notato la mancanza del supporto Amazon Instant Video su questi dispositivi. Apparentemente, poiché Amazon investe più denaro nell’acquisizione e nello sviluppo di contenuti per la sua piattaforma di streaming, l’azienda sente il bisogno di dire: "Basta!" a questa mancanza di compatibilità. La spiegazione ai venditori è stata: "È importante che i lettori multimediali in streaming che vendiamo interagiscano bene con Prime Video per evitare confusione tra i clienti". Amazon continuerà a vendere prodotti multimediali in streaming concorrenti che interagiscono bene con Instant Video, come la gamma di prodotti di Roku, Xbox di Microsoft, e la Playstation di Sony. Quindi, il gigante dell’e-tail non sta vietando del tutto la concorrenza hardware; sta semplicemente vietando la concorrenza hardware che non offre agli utenti l’accesso alla propria piattaforma di streaming.

Questo pone la domanda, cos’è esattamente Amazon in questi giorni; o, forse ancora più importante, cosa vuole essere l’azienda? Vuole rimanere il rivenditore online più potente del paese o vuole essere una forza importante nella creazione di contenuti, distribuzione e sviluppo hardware? Sospetto che Amazon voglia essere entrambi, ma può farlo con successo?

Amazon ha già giocato a questo tipo di giochi. L’anno scorso, ho scritto una storia intitolata Will Blu-ray Discs Be the Real Casualty in Amazon’s Current War?, descrivendo come la società abbia limitato la prevendita home-video di film popolari di Disney e Warner Brothers come leva nelle negoziazioni dietro le quinte. E ha fatto la stessa cosa con le vendite di libri che ha negoziato con l’editore Hachette. La giustificazione di Amazon in quei casi era che stava negoziando per mantenere bassi i prezzi, per lottare per i consumatori, il che potrebbe aver guadagnato all’azienda un certo margine di manovra con gli acquirenti.

Ma non c’è una tale logica in questo nuovo divieto di vendita di prodotti Apple e Google. Amazon potrebbe etichettarlo come un problema di "confusione", ma questo sembra essere puramente un problema di concorrenza, soprattutto data la tempistica. Apple e Google hanno anche annunciato nuove versioni dei loro dispositivi di streaming multimediale lo scorso mese. La nuova Apple TV, in particolare, aggiungerà opzioni di gioco e una ricerca vocale migliorata che la contrappone ancora di più alla nuova Amazon Fire TV, anche se il prodotto di Apple non supporta il 4K e quello di Amazon, il che gli dà un vantaggio nel nostro piccolo angolo del settore.

Se questo è davvero un problema di compatibilità, allora chi tiene esattamente Amazon Instant Video fuori dai dispositivi Apple e Google? Google ha aperto il suo Software Developer Kit (SDK) ad aziende esterne molto tempo fa. L’ecosistema Apple TV è stato notoriamente bloccato; tuttavia, come parte della nuova introduzione di Apple TV, la società ha annunciato l’SDK tvOS per incoraggiare finalmente lo sviluppo diffuso di app per la piattaforma. Quindi, i tempi di Amazon per questo divieto non sono in linea con la ragione dichiarata per farlo.

La grande domanda è: Amazon alla fine perderà la fiducia dei suoi acquirenti se continua a usare il suo potere di e-tailer a vantaggio delle sue aspirazioni media/hardware? La società potrebbe avere tutto il diritto di vietare la vendita di prodotti Apple e Google, ma ciò non significa che sia la mossa giusta. Mi piace il modo in cui il collaboratore di Forbes Larry Magid lo riassume, lamentandosi del fatto che la mossa di Amazon viola la "neutralità al dettaglio" e il "patto di Amazon con i suoi clienti".

La verità è che è tutta una questione di percezione pubblica. In questo momento, penso che sia sicuro affermare che il pubblico vede ancora Amazon prima come un rivenditore online e poi come un’azienda di media/hardware. Pertanto si aspettano un certo grado di neutralità, almeno in superficie per il bene delle apparenze. Nessuno di noi batte d’occhio il fatto che Apple e Google non vendano i giocatori Amazon e Roku attraverso i loro negozi al dettaglio o online. Questo perché li percepiamo come sviluppatori hardware/software prima e rivenditori specializzati in secondo luogo. Finora non è stato così con Amazon. Ci aspettiamo di andare sul sito e trovare un’ampia gamma di prodotti concorrenti in ogni categoria, con la libertà di scegliere quello che vogliamo. La nostra percezione può cambiare? Certo che può. Amazon è disposta a sacrificare parte della sua attività di vendita al dettaglio per attuare quel cambiamento? Giusto o sbagliato,

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More