Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Anthem AVM 60 11.2-Channel Pre/Pro recensito

3

Anthem AVM 60 11.2-Channel Pre/Pro recensitoCirca 10 o 15 anni fa, il mondo delle apparecchiature AV era molto più semplice. Quando dico più semplice, intendo dire che c’era molta stabilità nei formati. Per quanto riguarda i video, il DVD era il re, anche se il formato Blu-ray era stato lanciato e stava iniziando a guadagnare popolarità poiché i produttori di TV spingevano i video con risoluzione 1080p come un must per l’home entertainment. Per quanto riguarda l’audio, il mondo si era accontentato di una felice coesistenza tra i formati multicanale DTS e Dolby Digital. I negozi big-box (e all’epoca c’era molto da scegliere oltre a Best Buy, inclusi Tweeter, Circuit City e altri) trasportavano principalmente ricevitori giapponesi popolari.

La stabilità ha contribuito a creare un fertile terreno fertile per i produttori di fascia alta e i loro preamplificatori AV, venduti nei negozi di audio di fascia alta o inclusi con installazioni home theater di fascia alta che erano in piena fioritura all’epoca. Questi processori di fascia alta spesso presentavano circuiti di qualità superiore con un’elaborazione audio e video più raffinata e offrivano agli appassionati di AV la doppia promessa di offrire un’eccellente elaborazione del suono home theater pur essendo abbastanza buoni con l’audio a due canali da consentire a tali appassionati di scaricare i loro preamplificatore a due canali di riferimento per integrare sia l’home theater che l’ascolto audio in un unico sistema.

Anthem si è posizionato come un player di valore nella fascia alta con vari processori AV che iniziano con la linea AVM e culminano nel processore Statement di punta. Lo Statement D1 è uscito per la prima volta a $ 5.000 al dettaglio nel momento in cui marchi come Krell, Meridian e simili vendevano i loro modelli di punta a diverse volte quel prezzo.

Naturalmente, le dinamiche di mercato sono cambiate drasticamente, rendendo difficile la sopravvivenza dei preamplificatori AV di fascia alta. I formati audio sono cambiati rapidamente, la connettività digitale è uscita in massa (poiché i ricevitori big-box hanno intonacato fogli di vendita con icone di connettività a dozzine) e HDMI apparentemente ha emesso un nuovo standard ogni tre o sei mesi, rendendo l’hardware più vecchio incapace di offrire le ultime e più grande. Non aveva più senso per molti consumatori di fascia alta perdere $ 30.000 su un preamplificatore Krell Evolution quando sarebbe stato incompatibile con i nuovi standard solo un anno dopo l’acquisto.

Ora che il mondo AV sembra deciso su una nuova serie di standard almeno per il prossimo futuro, Anthem è tornato sulla scena con una vendetta, lanciando il suo primo nuovo preamplificatore AV da anni: l’AVM 60. La scheda tecnica di questo preamplificatore si legge come potrebbe essere l’unità di fascia alta venduta a un Best Buy/Magnolia: include il supporto per video 4K Ultra HD e HDR ed è conforme ai più recenti standard HDMI 2.0, consentendoti versatilità nella connessione ai dispositivi più recenti. Può gestire tutti i formati di codifica audio che ti vengono in mente, incluso l’audio basato su oggetti Dolby Atmos (e DTS:X arriverà con un futuro aggiornamento). Il suo set di funzionalità rispecchia praticamente quello del ricevitore di punta dell’azienda, l’MRX 1120, che Dennis Burger ha recensito di recente–compresa la connettività DTS Play-Fi, che consente di riprodurre in streaming audio in modalità wireless da una serie di sorgenti e servizi.

A $ 2.999 al dettaglio, l’AVM 60 è in realtà $ 500 in meno rispetto alla sua controparte del ricevitore, l’MRX 1120. Ovviamente, devi (o arrivare, come preferiscono la maggior parte dei fan separati) a provvedere alla tua amplificazione attraverso un componente separato. Ci sono anche alcune altre differenze. Le uscite audio bilanciate sono offerte sul preamplificatore ma non sul ricevitore. Per coloro che desiderano la migliore reiezione del rumore possibile, questo è importante. Un’altra differenza più sottile è che, mentre l’MRX 1120 reindirizza semplicemente i canali anteriori sinistro e destro per l’amplificazione delle cuffie, l’AVM 60 include effettivamente un amplificatore per cuffie separato e dedicato. Se senti un tema, hai ragione. Tutto il tempo e l’attenzione aggiuntivi sono stati spesi per rendere l’AVM 60 un preamplificatore il più silenzioso possibile, con componenti separati di altissima qualità, progettato per prendere il segnale in ingresso e passarlo al componente successivo della catena il più pulito e fedele possibile alla sorgente originale. Uno di questi componenti è un convertitore analogico-digitale aggiornato con conseguente riduzione del rumore e una larghezza di banda più ampia rispetto ai modelli MRX. Per l’audiofilo che ascolta molto audio ad alta risoluzione, questo è un grande vantaggio.

Anthem AVM 60 11.2-Channel Pre/Pro recensitoIl collegamento
Ho usato i miei cavi Wireworld XLR per collegare l’AVM 60 all’amplificatore MCA 525 che Anthem ha fornito anche per i cinque canali principali. Un paio di amplificatori Crown XLS-2500 coprivano i quattro canali di altezza che ho usato per il materiale Atmos. Per gli altoparlanti, ho usato il sistema PSB Imagine X che avevo a portata di mano, inclusi quattro altoparlanti Atmos PSB Imagine XA. La PlayStation 3 è stata il mio lettore multimediale fisico per la maggior parte del mio materiale di prova.

Uno dei maggiori punti di forza di Anthem è il suo software proprietario di correzione della stanza, ARC. Incluso è un microfono con un supporto. La prima cosa che noterai che è diverso tra il sistema Anthem e la concorrenza è che il microfono incluso è in realtà piuttosto pesante. Sembra e si sente come un microfono di qualità superiore rispetto ai piccoli dischi di plastica con un filo sottile attaccato che si ottiene con la maggior parte dei ricevitori là fuori. E il supporto che tiene il microfono può essere telescopico e angolato per adattarsi praticamente a qualsiasi posizione e inclinazione necessarie. ARC è uno dei più avanzati sistemi di correzione ambientale, che consente di separare le bande di frequenza per l’equalizzazione per i canali frontali, surround, centrale, sub e di altezza,

Nonostante le sue capacità avanzate, è anche semplicissimo da usare. Completare l’installazione è stato un gioco da ragazzi, dal momento che ho scelto il processo più semplice. Ho collegato il microfono all’Anthem, scaricato e installato il software ARC nel mio computer (che ho collegato all’Anthem tramite un cavo USB) ed ho eseguito cinque misurazioni come richiesto in diverse posizioni di ascolto nella stanza. ARC ha sputato la curva target, la risposta misurata e le correzioni suggerite, che ho salvato e caricato di nuovo nell’AVM 60. Fatto.

Fai clic sulla pagina due per le prestazioni, il rovescio della medaglia, il confronto e la concorrenza e la commozione cerebrale…

Anthem AVM 60 11.2-Channel Pre/Pro recensitoPrestazione
Iniziando la mia valutazione con la musica, ho messo in coda uno dei miei preferiti dall’album Lift Your Spirit di Aloe Blacc (CD, Universal), "Wake Me Up". Questa è la versione acustica del brano, non la più comune versione techno che Blacc ha realizzato in collaborazione con Avicci. Il sottofondo di pianoforte e chitarra suonava pulito e distinto, e l’AVM 60 è riuscito perfettamente a non sopraffare la voce di Blacc. In linea con le mie aspettative dall’esperienza passata con i prodotti Anthem, dal punto di vista timbrico l’AVM 60 risulta ben bilanciato e neutro, ma tendente solo un po’ caldo. Ha reso Blacc un suono invitante e familiare, specialmente quando entra nel suo canticchiare nell’introduzione. Il modo in cui l’inno ha gestito la voce leggermente nasale di Blacc è stato sicuramente impressionante, presentandolo in un modo molto concreto senza mai strofinarlo in faccia. Del tutto,

Il prossimo è stato un piccolo Jimi Hendrix. "All Along the Watchtower" è stata l’interpretazione di Hendrix nel suo album Electric Ladyland (CD, MCA) di una canzone che Bob Dylan ha reso famosa. Mi stupisce ancora quanto fossero in anticipo sui tempi l’abilità e la creatività della chitarra elettrica di Hendrix. Ho alzato il volume. Mentre lo facevo, Anthem ha semplicemente aumentato la musica, facendola suonare più forte e più grande, ma la chiarezza e la risoluzione erano sempre costanti, a partire da un livello di volume piuttosto moderato in su. Ogni nota piegata, martellata e tirata fuori dalle corde della chitarra di Hendrix è stata riprodotta con una precisione sorprendente. Ancora una volta, a caratterizzare il suono, è una calda sfumatura di precisione, non chirurgica, il che significa che Anthem ti fa sentire i dettagli ma non attira l’attenzione su di sé come una macchina precisa. Ciò è particolarmente vero con le correzioni ARC attivate. Mentre alcuni sistemi di correzione ambientale automatizzati apportano alcuni miglioramenti al suono, il bello di ARC è che apporta un netto miglioramento della qualità del suono, ma non lascia impronte dietro dandoti quella sensazione di "è stato modificato". Questo è uno dei sistemi di correzione automatica della stanza più naturali che abbia mai sentito.

Un’altra cosa che ho osservato mentre ascoltavo più Jimi e poi passavo a fasce per capelli più grandi e più grandi degli anni ’80 a volumi simili era quanto fosse ascoltabile. Ovviamente, l’intera catena audio lavora insieme come un’unità per creare questa performance, e ha sicuramente aiutato il fatto che il sistema PSB Imagine X sia stato in grado di tenere il passo a ogni passo. Tuttavia, l’inno ha fatto il suo lavoro non diventando mai e poi mai il collo di bottiglia della catena.

Come preamplificatore musicale a due canali, l’Anthem rivaleggia con il mio preamplificatore Parasound Halo JC2BP di riferimento per chiarezza ed equilibrio tonale. E mentre il mio Parasound arrotonda leggermente l’inno in modo più raffinato, è più simile a Rocky che tiene testa ad Apollo Creed fino a quando l’ultima campana suona e perde la decisione sui punti. Non è mai stato fuori dalla sua portata, anche se paragonato ai migliori. Questo dice molto per un preamplificatore AV che ha molti più lavori da svolgere rispetto alla semplice riproduzione di musica a due canali.

Prima di passare dalla musica, ho aperto il piccolo pannello sulla parte anteriore per rivelare l’uscita delle cuffie e ho collegato un paio di cuffie over-the-ear Sennheiser RS175 che avevo a portata di mano. A dire il vero, l’amplificatore per cuffie su questa unità non è l’anello debole. Ho sempre sentito una grande chiarezza e non mi sono mai sentito come se stessero finendo la potenza per offrire un suono eccezionale.

Ora, su alcuni film. Ho indossato il favorito cult John Wick (Blu-ray, Thunder Road) per provare le costolette di Atmos di Anthem. In una scena, Keanu Reeves (che interpreta il personaggio principale Wick) entra nella sezione termale di un club affollato attraverso il bagno per vendicarsi del figlio di un boss mafioso dell’Europa orientale che ha ucciso il suo cane. La musica risuona in sottofondo all’esterno dell’area termale e puoi sentirla come se fosse rumorosa ma attutita. Mentre Wick procede, uno scagnozzo si sta radendo e puoi sentire gli schizzi d’acqua in modo netto e chiaro. Puoi sentire ogni trama nel basso ringhio di Reeves mentre interroga lo scagnozzo su dove si trovi il suo capo. Ovviamente finisce in una scena di combattimento brutale, in cui inizi a realizzare l’abilità dell’inno mentre ogni pugno, crepitio osseo, tonfo, schianto e altro viene riprodotto secondo standard rigorosi.

La musica diventa più forte quando Wick entra nella sezione principale della spa e la scena inizia una progressione quasi operistica quando Wick elimina le sue vittime una ad una con il suo stile di combattimento unico "gun-fu". Mentre la telecamera si sposta, l’inno lo segue diligentemente, posizionando tutti i suoni giusti nelle posizioni giuste. Mentre la scena del combattimento si sposta da un angolo all’altro e da una direzione all’altra, le transizioni sono state rapide e deliberate, ma molto naturali e senza attirare l’attenzione su di sé. Ciò che l’inno ha ottenuto correttamente è stata una processione aggraziata poiché la scena è stata progettata per essere, invece di una presentazione più nitida, più forte e più odiosa che ho sentito in molti componenti minori.

Mentre la lotta procedeva fuori dalla sezione termale verso l’area da ballo a più livelli del club, la musica diventava più forte. Anche in questo caso, l’inno si distingue. A livelli di riferimento, la musica del club era piuttosto forte. Mentre alcuni preamplificatori suonavano come se ti stessero portando in un club dal vivo con la musica a tutto volume, l’AVM 60 ha mantenuto un certo controllo che lo rendeva sempre sopportabile da ascoltare. L’inno ha continuato a orchestrare ogni cosa al suo posto, senza che nulla potesse sopraffare l’altro. In mezzo alla cacofonia, la scena si muove su più piani e la riproduzione dello spazio e dell’eco è stata a dir poco sorprendente.

Un altro fantastico da provare con l’inno è stato The Martian (Blu-ray, 20th Century Fox). Il dialogo è sempre stato splendidamente chiaro, ma al di là della chiarezza, l’inno è stato in grado di aggiungere perfettamente l’ambientazione del dialogo. Quando il dialogo è arrivato attraverso la comunicazione radio, hai sentito la leggera sfumatura e una sfumatura metallica nell’apparecchiatura di comunicazione. Quando la scena è stata girata dal punto di vista in prima persona dall’interno di una tuta spaziale, hai sentito il soffocamento dello spazio ristretto. E a volte era la vastissima e vuota distesa di spazio che l’inno portava in vita. Una scena, in particolare, ha catturato la mia attenzione (o il mio orecchio, se volete). Qui, il nostro astronauta marziano bloccato, interpretato da Matt Damon, raggiunge finalmente una navetta di fuga ed è in grado di lanciarsi dalla superficie. Il soundstage era adeguatamente grande. Dopotutto, quando il lancio di un razzo non è un grosso problema nei film? La bassa frequenza era ben controllata nel grande rombo del decollo, e la gamma dinamica tra questo e l’entrare nel nulla dello spazio con la sua eco vuota era semplicemente sbalorditiva. Per tutto il tempo, la colonna sonora è stata riprodotta perfettamente per mantenere alta la tensione straziante nella scena, dandoti opportunamente la sensazione che quella non fosse la fine. Dopotutto, il personaggio di Damon si era solo sparato nello spazio; non è stato ancora salvato in sicurezza. dandovi opportunamente la sensazione che quella non fosse la fine. Dopotutto, il personaggio di Damon si era solo sparato nello spazio; non è stato ancora salvato in sicurezza. dandovi opportunamente la sensazione che quella non fosse la fine. Dopotutto, il personaggio di Damon si era solo sparato nello spazio; non è stato ancora salvato in sicurezza.

Il lato negativo
A differenza del fratello maggiore (e molto più vecchio), lo Statement D2V 3D, l’AVM 60 è completamente sincronizzato con i tempi in termini di formati video e audio coinvolgenti. In effetti, c’è ben poco che l’AVM 60 non faccia. E l’ultima volta che ho controllato, l’AVM 60 suona davvero meglio ed è più economico da avviare. Ciò rende il lavoro di ricerca di alcuni difetti particolarmente difficile. Penso che dipenderà dalla preferenza. The Anthem tende a fare il suo lavoro e poi si fa da parte per farti godere il tuo materiale sorgente, ma alcune persone potrebbero preferire un preamplificatore che è un po’ più ovvio nei suoi sforzi per trasudare qualità, come se gridasse: "Ehi, guarda io, io sono grande!" Mi è piaciuta l’ascoltabilità dell’Inno e la sua tendenza a non incitare alla fatica. Ma per qualcuno che cerca una presentazione più diretta, potrebbe sembrare dolce. Ciò avrebbe probabilmente un impatto sul rock ad alto volume e su altra musica moderna, nonché sulle scene di film d’azione. L’inno suona più come se stessi guardando un film che in una riproduzione dal vivo. Non fraintendetemi, non si tratta della portata della presentazione, ma più dello stile di essa.

Confronto e concorrenza
Penso che Anthem AVM 60 sia il nuovo standard da battere nel mercato odierno per un preamplificatore AV. Il Marantz AV8802A è un ovvio concorrente, con Denon e Marantz che sono stati uno dei primi sul mercato con preamplificatori AV in grado di riprodurre formati audio di film basati su oggetti come Dolby Atmos e DTS:X. A $ 3.999, il Marantz costa $ 1.000 in più. Avrai un controllo extra della zona tre e un’opzione per aggiungere un aggiornamento Auro 3D per $ 199. Ma penso che scoprirai che, dal punto di vista sonoro, Anthem è più che competitivo, soprattutto considerando l’abilità del sistema ARC rispetto al formato Audyssey in esecuzione sul Marantz. (Marantz ha annunciato un nuovo preamplificatore, l’AV7703, per $ 2.199).

Una corrispondenza più stretta dal punto di vista sonoro sarebbe il Classé Sigma SSP che abbiamo recensito, ma il Classé parte da $ 5.000 e ottenere l’aggiornamento del formato audio immersivo 4K/UHD Blu-ray e basato su oggetti ti costerà altri $ 1.000.

Il preamplificatore Yamaha CX-A5100 è stato ora scontato a $ 2.499, rendendolo $ 500 in meno rispetto all’Anthem. Tuttavia, il CX-A5100 è sul mercato da un po’ di tempo e penso che Anthem AVM 60 offra un livello di raffinatezza che non può essere facilmente eguagliato. E la partecipazione all’ecosistema DTS: Play-Fi offre maggiore flessibilità rispetto al sistema MusicCast proprietario di Yamaha.

Conclusione
Come recensore, devo ammettere che è facile diventare un po’ stanchi. Anche alcuni dei migliori componenti che arrivano alla mia porta di casa non mi ispirano alla fine a separarmi dai miei sudati soldi. Dopotutto, se comprassi tutto ciò che ho recensito, sarei molto, molto povero. Ma ogni tanto trovo un oggetto eccezionale. L’AVM 60 è uno di quegli articoli eccezionali. È buono come alcuni dei migliori preamplificatori musicali a due canali, offrendo prestazioni audio e video straordinarie nell’home theater, insieme a software di correzione ambientale di livello mondiale e compatibilità con tutti i più recenti formati audio e video. Sembra così comodo seduto lì sul mio rack dei componenti, penso che lo lascerò lì in modo permanente come mio nuovo preamplificatore AV di riferimento. Fai attenzione durante l’audizione di Anthem AVM 60: potresti doverlo acquistare, come ho fatto io.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More