Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Definitive Technology BP9060 Diffusore da pavimento recensito

0

Disimballando il nuovo BP9060, mi sono reso conto che Definitive Technology è la Taylor Swift del mondo degli altoparlanti. Proprio come il successo mainstream di Swift ha fatto dimenticare alla maggior parte delle persone le sue radici country, il successo mainstream di Definitive ha fatto dimenticare alla maggior parte degli audiofili che l’azienda ha iniziato con una tecnologia relativamente sconosciuta e leggermente controversa: l’altoparlante bipolare.

Un altoparlante bipolare ha driver sulla parte anteriore e posteriore dell’involucro, quindi dirige il suono avanti e indietro. Questo crea un suono più spazioso, ma meno focalizzato. È simile al modo in cui funzionano gli altoparlanti a pannello elettrostatico e magnetoplanare, tranne per il fatto che entrambi i lati di un altoparlante bipolare funzionano in fase e tutti gli altoparlanti bipolari che ho visto utilizzano driver convenzionali che offrono una dinamica migliore (con, alcuni direbbero, meno delicatezza) rispetto agli altoparlanti del pannello.

Con il BP9060 da $ 1.099 ciascuno e il resto della nuova linea BP9000, introdotta lo scorso maggio, Definitive Technology torna alle sue origini. Come con la precedente serie BP8000, l’uscita dell’array del driver posteriore è attenuata per ottenere un compromesso più soddisfacente tra l’ampio suono bipolare e il suono più mirato di un altoparlante convenzionale. La società afferma che il livello dell’array posteriore è ridotto di -6dB rispetto all’array anteriore. L’array posteriore del BP9060 ha anche un solo driver midrange da 4,5 pollici, rispetto ai due dell’array anteriore. Entrambi i lati sfoggiano un singolo tweeter a cupola in alluminio da 1 pollice.

Come è stato comune nelle grandi torri Definitive risalenti alla metà degli anni ’90, il BP9060 è dotato di una sezione dei bassi amplificati, con un woofer attivo da 10 pollici alimentato da un amplificatore di classe D da 300 watt. Una nuova svolta è la manopola Intelligent Bass Control sul retro. Invece di regolare semplicemente il volume della sezione subwoofer, si dice che la manopola IBC influisca solo sulle frequenze inferiori a 100 Hz, e quindi non interferisca con le frequenze dei bassi e dei medi superiori.

Il modulo A90 dell’azienda da $ 499/coppia trasforma il BP9060 in un altoparlante abilitato per Atmos, con driver midrange e tweeter a fuoco verso l’alto corrispondenti a quelli del BP9060. L’A90 è progettato in modo che si inserisca semplicemente in posizione e assomigli a una parte del BP9060 piuttosto che a un modulo aggiuntivo. Rimuovere la piastra superiore in alluminio, posizionare l’A90, quindi utilizzare la coppia superiore di terminali degli altoparlanti sul BP9060 per collegare i moduli al ricevitore o all’amplificatore.

Il BP9060 è il secondo diffusore a torre più costoso della linea BP9000. I prezzi vanno da $ 649 ciascuno per il BP9020 a $ 1.749 ciascuno per il BP9080x. Definitive Technology offre altoparlanti centrali e surround abbinati; Ho provato il canale centrale CS9060 da $ 699, che ha il suo subwoofer da otto pollici integrato.

Definitive Technology BP9060 Diffusore da pavimento recensitoIl collegamento
Ho utilizzato i BP9060, gli A90 e il CS9060 principalmente con un ricevitore AV Sony STR-ZA5000ES, utilizzando altoparlanti bipolari Sunfire CRM-BIP per i canali surround. Ho anche fatto sessioni di ascolto stereo confrontando i BP9060 con i miei altoparlanti Revel Performa3 F206, utilizzando un preamplificatore/DAC Classé CP-800, un amplificatore stereo Classé CA-2300, un giradischi Music Hall Ikura e un pre phono NAD PP-3, oltre a uno switcher Audio di Van Alstine AVA ABX per confronti di livello abbinato. Ho usato cavi di interconnessione e altoparlanti Wireworld Eclipse 7. Per inciso, gli altoparlanti hanno un ingresso LFE a livello di linea che puoi collegare direttamente al tuo ricevitore o processore surround per ottenere una gamma di regolazione aggiuntiva e flessibilità (e forse anche usare un equalizzatore esterno se lo desideri, immagino), ma non l’ho fatto usa questa funzione. Non ho mai sentito il bisogno di farlo.

I BP9060 sono ben confezionati, con tutti gli accessori disposti in un kit che rende tutto facile da montare. Una base in alluminio si avvita sul fondo di ciascuna torre per fornire maggiore stabilità e nella parte inferiore della base è possibile avvitare punte per moquette o piedini in polimero.

Non avevo bisogno di apportare modifiche di fantasia con i BP9060. Aaron Levine di Definitive Technology, che ha consegnato gli altoparlanti, ha deciso di metterli dove si trovavano i miei Revels e lì suonavano benissimo. Abbiamo quindi concentrato la nostra attenzione sul comporre le manopole IBC. Per la maggior parte del mio ascolto, ho usato le manopole IBC impostate a metà o verso l’una. Ho dovuto abbassarli a circa 10 in punto per i confronti con i Revel, in modo da corrispondere al livello dei bassi dei Revel. Per inciso, c’è un piccolo logo "D" illuminato a LED nella parte inferiore di ogni torre per mostrare l’amplificatore acceso; un interruttore sul retro ti consente di spegnerlo se lo trovi distratto.

Tuttavia, ho finito per apportare una modifica in seguito: ho rimosso i pannelli in schiuma da 6,5 ​​pollici che di solito si trovano dietro i miei altoparlanti anteriori sinistro e destro e li ho sostituiti con diffusori semicilindrici. La schiuma ha ridotto il contributo degli altoparlanti posteriori al suono; Mi piaceva di più il suono dei BP9060 senza di esso e pensavo che l’uso dei diffusori anziché dei pannelli assorbenti fosse più fedele all’intento progettuale degli altoparlanti.

Performance
Mi sono divertito così tanto con i BP9060 che è difficile sapere da dove cominciare per descrivere il suono. Certo, c’è quella maggiore spaziosità della configurazione bipolare, ma con una ragionevole concentrazione. Forse la cosa più importante, il suono è neutro, senza colorazioni sonore significative e i bassi oscillano.

Ecco un esempio: "Sundancers" dagli LP Scores! dai Quattro di Los Angeles. Questo assemblaggio di veterani in studio incarnava praticamente l’atmosfera rilassata del jazz degli anni ’70 e il BP9060 ritraeva magnificamente il loro suono equilibrato e fluido. Niente è saltato fuori dal mix e il suono aveva un grande senso di spazio senza sembrare artificiale, che è il modo in cui penso dovrebbe suonare, considerando che è stato registrato dal vivo al Concord Jazz Festival del 1974. Non guarderei a nessuna registrazione di un concerto dal vivo come riferimento per l’imaging; tuttavia, attraverso i BP9060, il flauto di Bud Shank ha raggiunto un equilibrio soddisfacente tra l’immagine stereo focalizzata e l’ambiente dal vivo, e il rullante di Shelly Manne suonava come se fosse davvero su un palco e io ero davvero seduto a circa 30 piedi di distanza.

Per me, le registrazioni effettuate da Chesky Records sono lo standard di riferimento per l’imaging stereo e il soundstage… e il modo perfetto per giudicare ciò che il BP9060 stava facendo giusto e sbagliato. "No Flight Tonight", dal CD di Chesky The Three Guitars, presenta il chitarrista Larry Coryell di estrema sinistra e la musicista brasiliana Badi Assad che combina il suo modo di suonare la chitarra con le percussioni eseguite dalle sue mani e dalla sua bocca. La cosa interessante di questa registrazione è il contrasto nei suoni degli artisti: Coryell si è concentrato sull’altoparlante sinistro e le percussioni "organiche" di Assad che risuonano nella chiesa dove è stata registrata. Mi aspettavo che i BP9060 facessero suonare Coryell eccessivamente spazioso e riverberante, ma no: il suono sembrava esattamente concentrato come doveva essere, mentre le percussioni di Assad mostravano l’eccitante spaziosità che avrebbe dovuto avere.

No, i BP9060 non avevano un’immagine così solida al centro come facevano i miei Revel F206, ma la voce e altri suoni orientati al centro erano abbastanza focalizzati da sembrare realistici. In "Stepsister’s Lament" dal CD For One to Love di Cécile McLorin Salvant, i BP9060 non sono riusciti a ottenere quella messa a fuoco precisa e gratificante dell’immagine che può fare un buon oratore convenzionale, ma non è che la voce di Salvant fosse sfocata o irrealistica, e l’arrangiamento bipolare non lo faceva Non sembra aggiungere alcuna colorazione al suono intrinsecamente neutro dell’altoparlante. Non ha fatto male il fatto che il basso di questa traccia avesse così tanto peso, concentrazione e definizione durante i BP9060.

Metto sempre su almeno una registrazione abbastanza grezza e di bassa qualità quando eseguo una recensione di un diffusore, solo per vedere se l’altoparlante rende una registrazione dura troppo dura o una registrazione fangosa ancora più fangosa. Per questa recensione, ho usato la versione del leggendario chitarrista in studio di Memphis Steve Cropper di "Land of 1000 Dances", dal suo album del 1969 With a Little Help From My Friends. Questa potrebbe essere la registrazione più dura che abbia mai sentito nei miei oltre 40 anni di raccolta di dischi e CD. È tutt’altro che pulito e ben definito, ma i BP9060 lo facevano suonare meglio di quanto pensassi. Sono stato sorpreso di sentire quanto poco variasse il suono quando sono passato dai BP9060 ai Revel F206; per me, questo indica che il bilanciamento tonale del BP9060 è perfetto. Onestamente, i BP9060 suonavano meglio in "Land of 1000 Dances" perché il bassista Donald "Duck"

Ho guardato molti film e TV con i BP9060 e sono stato felice di sapere che il CS9060 si abbinava bene alla tonalità dei BP9060 e che la sua riproduzione dei dialoghi era pulita e incolore. Ma quello che ho amato di più dei film è stato il basso. Ho guardato la seconda trilogia di Star Wars attraverso il sistema (ovvero i film dal IV al VI, da Una nuova speranza al Ritorno dello Jedi) e ho adorato il senso del pugno e dell’impatto che i BP9060 hanno prestato, ad esempio, alla scena dell’inseguimento con gli speeder da Il ritorno dello Jedi.

Ho notato qualcosa di interessante quando si utilizzano i moduli Atmos: sembravano avere un effetto minore con i bipolari. Ho osservato in precedenza nelle mie recensioni che il vantaggio degli altoparlanti abilitati Atmos (quelli rivolti verso l’alto che si trovano sopra gli altoparlanti anteriori e posteriori) non è che producono un vero senso dei suoni provenienti dall’alto, ma semplicemente producono un piccolo sistema suona come un grande e potente sistema di altoparlanti home theater personalizzato. Anche gli altoparlanti bipolari hanno questo effetto. Guardando le migliori scene di Atmos di Teenage Mutant Ninja Turtles e Gravity, sono rimasto sorpreso di sentire che sembrava esserci meno differenza tra il suono Atmos e quello non Atmos rispetto alla maggior parte dei sistemi Atmos. È un più o un meno? Tu decidi.

Fai clic sulla pagina due per le misurazioni, il lato negativo, il confronto e la concorrenza e la conclusione…

Misure
Di seguito sono riportate le misure per l’altoparlante BP9060 (fare clic su ciascun grafico per visualizzarlo in una finestra più grande).

Definitive Technology BP9060 Diffusore da pavimento recensito

Risposta in frequenza (sezione principale)
In asse: ±2,3 dB da 31 Hz a 10 kHz, da ±3,5 dB a 20 kHz
Media 30° orizzontale: ±1,8 dB da 31 Hz a 20 kHz
Media 15° vert/oriz: ±2,9 dB da 31 Hz a 20 kHz

Impedenza
Sezione principale: min. 3,8 ohm/360 Hz/-6,4, nominale 8 ohm
Sezione Atmos: min. 4,3 ohm/280 Hz/-6,5, nominale 8 ohm

Sensibilità (2,83 volt/1 metro, anecoico)
Sezione principale: 88,2 dB
Sezione atmosfera: 90,2 dB

Il primo grafico mostra la risposta in frequenza del BP9060 dalla parte anteriore. Il secondo mostra l’effetto del controllo dei bassi. Il terzo mostra l’impedenza. Per la risposta in frequenza, vengono mostrate quattro misurazioni: il BP9060 a 0° in asse (traccia blu); una media delle risposte a 0, ±10, ±20° e ±30° fuori asse orizzontale (traccia verde); una media delle risposte a 0, ±15° in orizzontale e ±15° in verticale (traccia rossa); e la risposta in asse del modulo abilitato per A90 Atmos. Con il BP9060, considero le curve 0° in asse e 0°-30° orizzontali le più importanti. Idealmente, il primo dovrebbe essere più o meno piatto e il secondo dovrebbe avere lo stesso aspetto ma dovrebbe inclinarsi leggermente verso il basso all’aumentare della frequenza. (Non ho misurato abbastanza altoparlanti abilitati per Atmos per essere sicuro di proclamare determinate caratteristiche misurate superiori ad altre,

È molto difficile misurare gli altoparlanti con sezioni dei bassi amplificati, in particolare gli altoparlanti che non hanno griglie rimovibili, e il doppio, specialmente quando hanno driver a fuoco posteriore il cui suono "avvolge" l’altoparlante e il cui contributo non può essere completamente inclusi nelle misurazioni quasi-anecoiche. Detto questo, mi è piaciuto soprattutto quello che ho visto nelle curve del BP9060. A parte un picco di circa +3dB centrato a 1,5 kHz, nelle misurazioni della risposta in frequenza non vedo nulla che sembri udibile come una colorazione. Che dire degli alti crescenti sopra i 10 kHz nella risposta in asse? Sospetto che potrebbe non essere così udibile, se non del tutto udibile, a causa del design bipolare.

Come puoi vedere nelle misurazioni del controllo dei bassi, il suo campo di regolazione è molto ampio. Relativamente alla misurazione con il controllo impostato a ore 12, ho misurato un boost massimo di +12,7 dB e un taglio massimo di -21,4 dB. Questa è una gamma totale di 33,1 dB; dire che è abbastanza per ottimizzare il suono per qualsiasi stanza immaginabile o gusto personale è un eufemismo. Per inciso, sebbene il controllo non influisca sulle frequenze superiori a 200 Hz, ha un effetto significativo sulle frequenze comprese tra 100 e 200 Hz. A 130 Hz, ad esempio, aumenta di un massimo di +2,6 dB e riduce di un massimo di -11,1 dB.

Le misurazioni del modulo abilitato per A90 Atmos sono state interessanti quando le ho confrontate con quelle che ho preso dell’NHT MS Tower, che utilizza un singolo driver da tre pollici per Atmos. La risposta dell’A90 è ammirevolmente piatta fino alla tacca a 3,7 kHz, che secondo il produttore è un risultato inevitabile del telaio e della griglia attorno ai driver. La cosa interessante (ma non inaspettata) è che il driver da tre pollici dell’MS Tower è più direzionale, il che dovrebbe creare un raggio più stretto e quindi un’illusione più convincente degli altoparlanti sopraelevati, rispetto al woofer da 4,5 pollici e al tweeter da un pollice dell’A90, sebbene l’A90 è stato approvato da Dolby e si comporta in modo simile ad altri altoparlanti abilitati Atmos a due vie che ho misurato. La riduzione massima della risposta alle alte frequenze a 30 gradi fuori asse (correlata alla direzionalità) dell’A90 è di -5,4 dB.

La sensibilità del BP9060 è leggermente al di sopra della media a 88,2 dB (misurata a un metro con un segnale di 2,83 volt, con una media da 300 Hz a 3 kHz), il che significa che il BP9060 può raggiungere 100 dB con circa 16 watt. Ma ciò non tiene conto del suono che si riflette sul muro dai driver posteriori, il che ti darebbe un paio di dB di sensibilità effettiva aggiuntiva. E c’è anche il fatto che qualunque amplificatore usi non dovrà riprodurre i bassi. Anche se l’impedenza minima è di 3,8 ohm, la media è di circa otto ohm. Fondamentalmente qualsiasi amplificatore può pilotare questi altoparlanti.

Poiché il BP9060 ha una sezione dei bassi amplificata (essenzialmente un subwoofer integrato), ho deciso di misurare la sua uscita dei bassi CEA-2010. I numeri indicati sono per un oratore; dovresti ottenere un output da +3 a +6 dB in più da una coppia di BP9060. I numeri sono buoni nella seconda ottava di basso; un singolo BP9060 ha solo -1,4 dB in meno di uscita media da 40 a 63 Hz rispetto al Rogersound SW10S, probabilmente il miglior subwoofer da 10 pollici che ho misurato fino ad oggi. E, naturalmente, due BP9060 supererebbero un singolo SW10S. L’uscita del BP9060 rimane forte fino a 31,5 Hz, ma inizia a scendere al di sotto e l’altoparlante non ha fornito un’uscita misurabile a 20 Hz. Le misurazioni della risposta in frequenza lo confermano.

Ecco come ho fatto le misurazioni. Ho misurato le risposte in frequenza utilizzando un analizzatore audio Audiomatica Clio FW 10 con il microfono di misurazione MIC-01 e l’altoparlante pilotato con un amplificatore Outlaw Model 2200. Ho usato la tecnica quasi anecoica per rimuovere gli effetti acustici degli oggetti circostanti. L’altoparlante è stato posizionato su un supporto da 36 pollici (90 cm). Il microfono è stato posizionato a una distanza di due metri all’altezza del tweeter e un mucchio di isolamento in denim è stato posizionato a terra tra l’altoparlante e il microfono per aiutare ad assorbire i riflessi del suolo e migliorare la precisione della misurazione alle basse frequenze. Ho misurato l’array di altoparlanti posteriori allo stesso modo. La risposta dei bassi è stata misurata utilizzando la tecnica del piano terra, con il microfono posizionato a terra a due metri dall’altoparlante, e ho unito questo risultato ai risultati quasi anecoici a 203 Hz. Per la misurazione della sezione Atmos, ho sospeso il microfono a una distanza di un metro dal pilota, direttamente in asse. I risultati sono stati levigati a 1/12 di ottava. Poiché la griglia è parte integrante del design dell’altoparlante, non ho tentato di rimuoverla per queste misurazioni. La post-elaborazione è stata eseguita utilizzando il software di analisi LMS LinearX.

Ho eseguito misurazioni CEA-2010A utilizzando un microfono Earthworks M30 e un’interfaccia M-Audio Mobile Pre USB con il software di misurazione CEA-2010 in esecuzione sul pacchetto software scientifico Wavemetric Igor Pro. Ho messo l’altoparlante dritto, puntato in avanti verso il microfono, con il livello dei bassi impostato al massimo. Ho preso queste misurazioni con un picco di uscita di due metri. Le due serie di misurazioni che ho presentato qui – CEA-2010A e metodo tradizionale – sono funzionalmente identiche, ma la misurazione tradizionale impiegata dalla maggior parte dei siti Web audio e da molti produttori riporta risultati a due metri RMS equivalente, che è -9 dB inferiore a CEA -2010A. Una L accanto al risultato indica che l’uscita è stata dettata dai circuiti interni del subwoofer (cioè dal limitatore) e non dal superamento delle soglie di distorsione CEA-2010A. Le medie sono calcolate in pascal. Poiché non riuscivo a ottenere una misurazione a 20 Hz, ho sottratto -18 dB dal risultato a 25 Hz per ottenere il risultato a 20 Hz per il calcolo della media di 20-31,5 Hz. (Vederequesto articolo per ulteriori informazioni su CEA-2010.)

Il
rovescio della medaglia I BP9060 hanno solo due veri svantaggi, e uno è intenzionale: l’ampiezza del suono bipolare sacrifica parte della messa a fuoco dell’immagine. È difficile definirlo un aspetto negativo, però, perché se vuoi un’immagine ultra-focalizzata, perché dovresti acquistare altoparlanti bipolari?

Sono riuscito a trovare solo un paio di brani in cui preferivo un suono più convenzionale e concentrato. Uno è "Hands Off She’s Mine" di English Beat. In questa melodia, i BP9060 suonavano in modo troppo amorfo, quasi come se la band di sei elementi stesse suonando attraverso una vasta gamma di altoparlanti anziché solo due. Con i Revels, il suono della band si è stabilizzato meglio e ha calciato molto più forte.

L’altro aspetto negativo è che la sezione subwoofer del BP9060 non produce un’uscita significativa nelle regioni più basse dei bassi, al di sotto dei 30 Hz. Quando ho suonato l’estratto della Saint-Saëns "Organ Symphony" dal Boston Audio Society Test CD-1, che presenta toni fino a 16 Hz, il basso del BP9060 non si distorceva, ma non scuoteva il pavimento o sbatteva le gambe dei miei pantaloni. Anche i suoni profondi del motore del sottomarino nel capitolo "Face to Face" dell’U-571 sono stati disattivati. I contenuti al di sotto dei 30 Hz sono rari nelle colonne sonore dei film e ancora più rari nella musica, ma alcuni appassionati di home theater (me compreso) apprezzano la capacità di un sistema di altoparlanti di riprodurre toni a 20 Hz in modo pulito e potente.

Confronto e concorrenza
Se pensi al BP9060 come a un altoparlante a torre da $ 1.099 ciascuno, ha molta concorrenza, tra cui SVS Ultra Tower da $ 999 ciascuno, GoldenEar Triton Five da $ 999 ciascuno e GoldenEar Triton Three+ da $ 1.249 ciascuno. Questi sono solo tre altoparlanti che penso che qualcuno potrebbe considerare come concorrenti del BP9060. Ci sono molti altri fantastici altoparlanti nella gamma di $ 2.000/paio, inclusi modelli di PSB, Monitor Audio, Paradigm e troppi altri per nominarli. Se preferisci uno di quelli al BP9060 è la tua chiamata; qualcuno del gruppo probabilmente ti renderà molto felice.

È quando si considera la sezione dei bassi amplificati che il BP9060 inizia a sembrare un ottimo affare. Ad esempio, il GoldenEar Triton Three+ ha una sezione dei bassi amplificati, ma costa $ 150 in più per altoparlante e utilizza un driver ovale 5 × 9 rispetto al driver rotondo da 10 pollici del BP9060, che ha il 98% di superficie in più.

Quindi entri nel mondo di Atmos, che è un mondo molto più piccolo. L’aggiunta dei moduli A90 porta il prezzo totale di ogni BP9060 a $ 1.349. Quindi i possibili concorrenti includono l’RP-280FA da $ 1.200 ciascuno di Klipsch, che ho recensito qualche tempo fa, e la torre Imagine T PSB da $ 1.099 ciascuna abbinata ai moduli PSB Imagine T Atmos da $ 499 / coppia. Naturalmente, qualsiasi altoparlante a torre può essere utilizzato in un sistema Atmos se si aggiungono altoparlanti a soffitto.

Quando si arriva al punto, è la sezione dei bassi amplificati molto capace del BP9060 che lo rende difficile da battere per i concorrenti.

Definitive Technology BP9060 Diffusore da pavimento recensitoConclusione
Ho amato ogni minuto circa del mese in cui ho usato questo sistema (beh, almeno ogni minuto in cui stavo usando il sistema). Il grande suono bipolare del BP9060 è così piacevole da ascoltare e la tonalità generale è fondamentalmente neutra; quindi, a meno che tu non richieda assolutamente un’immagine stereo a fuoco preciso, prevedo che ti piacerà ascoltare questo diffusore giorno dopo giorno. Quando si combina questo grande suono in generale con la graziosa integrazione dei moduli Atmos e la sezione dei bassi attivi potente e facile da regolare, si ottiene uno degli altoparlanti più sicuri che ho avuto il piacere di recensire.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More