Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

Recensione del sistema di base per altoparlanti TV H-PAS Atlantic Technology 3.1 HSB

0

In tutti i miei anni di lavoro come professionista in questo settore, non sono sicuro di essermi mai imbattuto in un prodotto che mi ha sorpreso tanto quanto il sistema di base per altoparlanti TV H-PAS HSB 3.1 di Atlantic Technology ($ 799). Francamente, sulla carta, sembra il genere di cose che potrebbero piacere a tre persone nel mondo. Prima di tutto, è una base per altoparlanti (o base sonora, o piedistallo del suono, o qualunque sia la nomenclatura che preferisci) – che, ammettiamolo, non è certo una categoria di prodotti sexy. In secondo luogo, non è nemmeno una base per altoparlanti completamente alimentata. Sebbene sia dotato di un cavo di alimentazione e 80 watt di amplificazione per il suo woofer da 6,5 ​​pollici verso il basso, il suo trio di canali L/C/R (ciascuno dotato di una coppia di driver per i bassi medi da tre pollici e una cupola morbida da 0,75 pollici tweeter) è completamente passivo, richiedendo l’aggiunta di un ricevitore AV o qualche altra forma di amplificazione esterna.

Prima di contare l’HSB 3.1, tuttavia, considera questo: è il prodotto di Atlantic Technology, che negli ultimi anni ha fatto cose piuttosto intriganti con una tecnologia nota come H-PAS (Hybrid Pressure Acceleration System). H-PAS è per il design standard degli altoparlanti bass-reflex con porting ciò che la Corvette C7.R è per un convertibile gen-one ad axel solido con un motore sei cilindri in linea Blue Flame. H-PAS si basa su una combinazione di sospensione acustica, linea di trasmissione acustica, bass reflex e tecnologie a tromba inversa per creare bassi piuttosto massicci da cabinet piuttosto piccoli. Il risultato, in parte, è che il 3.1 HSB, con un cabinet che misura meno di 36 pollici di larghezza, cinque pollici di altezza e 17 pollici di profondità, vanta un’estensione delle basse frequenze fino a 35 Hz sbalorditivi, con udibili sotto-30- Uscita dei bassi Hz nella mia camera da letto di 13 x 15 piedi. In realtà è un po’ meglio di alcuni subwoofer da 10 pollici che ho provato di recente, ed è solo una delle cose che rende questa curiosa base di altoparlanti più di una semplice curiosità.

Recensione del sistema di base per altoparlanti TV H-PAS Atlantic Technology 3.1 HSBIl collegamento
Come avrete già capito, la configurazione dell’HSB 3.1 non è molto diversa dalla configurazione di tre altoparlanti e un subwoofer. Sul retro, troverai tre attacchi della varietà caricata a molla. Questo normalmente non è il mio metodo di connessione preferito, ma in questo caso funziona sicuramente, dal momento che potresti ritrovarti ad allungarti attraverso l’armadio stesso per effettuare dette connessioni, e più veloce è, meglio è. Naturalmente, c’è anche un ingresso LFE per il woofer integrato, controlli variabili per livello LFE e passa basso (con impostazioni da 40 Hz a 220 Hz) e dip switch per bypass passa basso, inversione di fase e alimentazione in standby (acceso/spento/automatico).

Davanti troverai (forse piuttosto sorprendentemente) una griglia in tessuto rimovibile con rinforzi più che sufficienti per proteggere i tweeter a cupola morbida. Quando si ispeziona la configurazione dei driver, si noterà che il tweeter per ciascun canale è leggermente rialzato rispetto ai suoi driver per i bassi medi. Questo non risolve del tutto tutti i problemi di dispersione inerenti agli array di driver MTM orizzontali (metà-tweeter-metà), ma sembra ridurre notevolmente qualsiasi potenziale problema di lobing.

Sto andando avanti a me stesso, però. Prima di poter parlare di qualsiasi cosa relativa alle prestazioni, abbiamo ancora un po’ di configurazione da fare, perché, come ho detto, l’HSB 3.1 è, a parte il suo driver per bassi profondi, un sistema di altoparlanti passivi. Pertanto, gran parte della configurazione che deve essere eseguita deve essere eseguita all’interno del ricevitore AV. Nel mio caso, mi sono affidato a un Anthem MRX 710, con il suo LCR e l’uscita subwoofer alimentati direttamente nell’HSB 3.1. Dopo un bel po’ di ascolto, ho aggiunto un paio di diffusori da scaffale ELAC Debut B5 come surround. Questo è un po’ il bello dell’intrigante base di altoparlanti di Atlantic Technology: puoi usarlo da solo (beh, con un ricevitore) o usarlo come fulcro di un sistema audio surround completo 5.1, 7.1 o anche Atmos/DTS:X basato su oggetti, se lo desideri.

Potresti pensare: "Aspetta, perché dovrei usare un ricevitore così ad alte prestazioni per pilotare una base di altoparlanti da $ 799?" La vera risposta a questa domanda è: "Perché potrei". Seriamente, però, l’utilizzo dell’MRX 710 e del relativo software Anthem Room Correction 2 mi ha permesso di scattare un’istantanea delle prestazioni della base dei diffusori nella mia stanza e prendere decisioni più intelligenti e informate sulla gestione dei bassi, la correzione ambientale e così via.

La prima cosa che ho notato delle prestazioni in-room dell’HSB 3.1 è che i suoi altoparlanti L/C/R si comportano in modo piuttosto irregolare al di sotto di 500 Hz, quindi ho impostato la mia frequenza Max EQ su quel punto (e non superiore, poiché non volevo per modificare la voce degli stessi altoparlanti nelle frequenze medie e alte più cruciali). La seconda cosa che ho notato è che, sebbene il driver LFE (non riesco proprio a chiamarlo subwoofer) offra davvero bassi profondi e fluidi, si comporta anche in modo ammirevole sopra i 200 Hz.

Questo mi ha dato un buon margine di manovra in termini di gestione dei bassi. Il manuale di istruzioni di Atlantic Technology raccomanda un punto di crossover di 125 Hz. Le mie misurazioni (e le mie orecchie) dicevano che era troppo basso. Alla fine ARC2 ha suggerito (e ho accettato) che 160 Hz fosse praticamente la frequenza di crossover perfetta per questo sistema.

Con un normale sistema di altoparlanti, questo non sarebbe l’ideale (ha detto, in ovvia contesa per Understatement of the Century). Il crossover a una frequenza così alta normalmente porterebbe a una grave disconnessione tra sub e satelliti, per non parlare di un grado significativo di localizzazione del subwoofer. Tuttavia, con l’HSB 3.1, il "subwoofer" è proprio lì, integrato negli altoparlanti. In quanto tale sono stato in grado di ottenere una buona miscela tra allora anche con una frequenza di crossover impostata così alta.

Recensione del sistema di base per altoparlanti TV H-PAS Atlantic Technology 3.1 HSBPrestazioni
Niente durante il processo di installazione mi ha davvero preparato per come sarebbe suonato l’HSB 3.1 quando tutto era stato detto e fatto, però. Apparentemente il mio thesaurus interno era bloccato in modalità allitterativa quel giorno perché le note delle mie prime sessioni di ascolto sono punteggiate da parole come "ricco", "robusto" e "notevole". E badate bene, una buona parte di ciò era probabilmente basato su aspettative inferiori, ma le prestazioni del 3.1 HSB non sono semplicemente "buone per una base di altoparlanti". In realtà è abbastanza buono sotto diversi aspetti. Punto.

Di recente ho rivisto la prima stagione di Daredevil (ABC Studios), soprattutto perché Netflix e Marvel non sono ancora riusciti a realizzare una terza stagione e avevo bisogno della mia correzione. Onestamente, avrei potuto scrivere l’intera recensione sulla base dei primi tre minuti del secondo episodio, "Cut Man", poiché rivelano tutti i punti di forza dell’HSB 3.1 (e le sue poche debolezze significative). Inquadratura iniziale: asfalto bagnato dalla pioggia. Ogni piccola goccia che colpisce l’asfalto scaturisce dal 3.1 HSB con dettagli scintillanti. A sinistra: una luce fluorescente con un reattore rotto. Sfarfalla dentro e fuori, non solo dal bordo dello schermo ma anche dal bordo della base dell’altoparlante stesso. Il suono scoppietta da un punto in cui l’altoparlante semplicemente non è. Un giovane sbircia in un cassonetto, un’espressione scioccata sul viso, e per nessun buon motivo se non per creare suspense, c’è un boom ronzante. Il tipo che telegrafa allo spettatore che sta succedendo qualcosa di brutto. Se sei concentrato sull’HSB 3.1 e non sulla scena stessa, ti aspetti quasi che il suo piccolo driver da 6,5 ​​pollici (o forse il cabinet stesso) venga distrutto. Non è così. C’è un peso palpabile nell’aria. Un peso che fuoriesce da questo piccolo e sottile cabinet per altoparlanti. Il tuo cervello non può nemmeno.

Titoli di apertura: a questo punto hai ascoltato la sigla almeno un paio di dozzine di volte, quindi noti che le tastiere e gli archi campionati suonano un po’ midrange, un po’ carenti di presenza, ma di certo non male per niente. Molto più sorprendente di così, tuttavia, è la solidità con cui il battito del cuore delle percussioni batte nella stanza con un pugno e una solidità meravigliosi.

Con il progredire dell’episodio (e gli esseri umani reali dicono cose umane reali), diventa evidente che il suono di gamma media in avanti e la presenza ridotta evidenziate nei titoli di testa si traducono in una chiarezza del dialogo alquanto ridotta, rispetto a un altoparlante del canale centrale dedicato con molto volume interno come l’intero sistema a 3.1 canali. Questo è principalmente il risultato di un calo piuttosto significativo nell’output tra circa 2 kHz [ http://onlinetonegenerator.com/?freq=2000 ] e 6 kHz [ http://onlinetonegenerator.com/?freq=6000 ], che è il 3.1 L’unico vero difetto tonale di HSB, una volta applicata la gestione dei bassi (e un po’ di equalizzazione ai bassi profondi).

Quella colorazione sonora ha reso la sua presenza (o, ironia della sorte, la sua mancanza di presenza) più pienamente nota con le prime tracce musicali che ho lanciato al 3.1 HSB. "Zomby Woof" di Frank Zappa & the Mothers of Invention, dal più recente CD del loro album del 1973 Over-Nite Sensation (Zappa Records), suonava decisamente attraverso il sistema di altoparlanti con lo stesso suono di gamma media in avanti, che non butta via l’equilibrio della densa strumentazione, ma ha avuto un impatto significativo sulla grinta delle chitarre e sull’equilibrio delle voci del ritornello che entrano in gioco per circa un minuto e venti secondi dall’inizio della traccia. Attraverso l’HSB 3.1, Tina Turner e gli Ikettes (sì, sono totalmente loro) vengono semplicemente soffocati dalle percussioni, dal basso e dalla chitarra solista.

Ma wow, l’ampiezza di quel palcoscenico! Se è abbastanza per farmi usare un punto esclamativo in una recensione corretta, sai che è sorprendente. In poche parole, ogni elemento del mix, dalle chitarre al sintetizzatore al trombone, si estende ben oltre i confini del cabinet dell’HSB 3.1. Al momento ho tre diversi sistemi di altoparlanti surround collegati in questa stanza per vari progetti, e il mio cervello non mi permetteva di credere che la musica non stesse sforando dalle torri ELAC F5 a circa un piede e mezzo a sinistra e a destra della piccola base di altoparlanti di Atlantic Technology. Quindi li ho portati fuori dalla stanza, insieme ai diffusori da scaffale KEF Q100 posizionati proprio accanto alla base dei diffusori. Anche senza la distrazione visiva, le mie orecchie erano ancora intenzionate a credere che il suono che li colpiva provenisse da una coppia di altoparlanti a una distanza di almeno un metro e mezzo.

Quindi, ispirato dalla straordinaria larghezza dell’HSB 3.1 ma ancora un po’ deluso dalle sue frequenze medio-alte smorzate, ho fatto una brutta cosa. Ho deciso di eseguire nuovamente Anthem Room Correction 2 e impostare una frequenza massima dell’EQ di 5.000 Hz.

Ciò infrange ogni regola che ho sulla correzione della stanza, e mi sento ancora sporco per averlo ammesso, ma lasciare che ARC2 faccia il suo lavoro fino a 5 kHz ha avuto un effetto piuttosto drammatico sul suono dell’HSB 3.1. Riprendendo "Zomby Woof", non ho potuto fare a meno di notare immediatamente l’aumento dell’attacco delle chitarre. E quando Tina e le ragazze si sono unite, non sono state messe in secondo piano. Sono saltati fuori dal mix, come dovrebbero. Per fortuna, niente di tutto ciò ha avuto alcun effetto negativo sulla sontuosa ampiezza del palcoscenico sonoro del 3.1 HSB, né sulla sua gamma media liscia come la seta o sulla brillantezza degli alti.

Ha anche creato una miscela molto migliore tra i diffusori da scaffale 3.1 HSB e ELAC che ho usato come surround per l’ultima fase dei miei test. Dopo aver applicato la correzione aggiuntiva della stanza, ho inserito il mio disco Blu-ray Star Wars: Il risveglio della Forza (Walt Disney Home Video) per la seconda volta in una settimana, non con l’intenzione di usarlo come materiale di riferimento ma di più perché è proprio così spesso guardo il film. Era sorprendentemente evidente quanto l’equalizzazione extra non solo rendesse i dialoghi più realistici e comprensibili, ma anche quanto meglio i palcoscenici anteriori e surround funzionassero insieme. Nel capitolo 35, "Base di resistenza", gli X-Wing Fighters e i mezzi di trasporto assortiti che sibilano vicino allo schermo mentre si dirigono verso D’Qar urlano legittimamente, piuttosto che saltare dal retro della stanza in avanti.

Il
rovescio della medaglia Il risveglio della forza rivela un aspetto delle prestazioni dell’HSB 3.1 che non può essere modificato o equalizzato, però. In poche parole, a volte emette più bassi di quanti ne possa gestire. O, più precisamente, di quanto possano maneggiare i mobili su cui si siede. Passando al capitolo 35, "Rey Imprisoned", c’è questo rombo basso, profondo e gutturale che accompagna l’interrogatorio di Kylo Ren di Rey. Quando è entrato a pieno regime… beh, non c’è davvero altro modo per dirlo: ha scrollato via le stronzate viventi dal mio solido comò di quercia. Ad esempio, se avesse avuto i denti, sarebbe stato d’obbligo una visita dal dentista.

Probabilmente sarebbe peggio se avessi una TV appollaiata sopra l’HSB 3.1, ma l’UN65JS9500FXZA nel mio home theater principale non ci si siederebbe comodamente a causa della sua posizione ampia (i suoi piedi pendevano dal bordo quel tanto che basta per inviare visioni di televisori 4K che mi rotolano nella testa) e il plasma nella mia camera da letto è montato a parete. (Il 3.1 HSB è progettato per ospitare TV fino a 60 pollici e 100 libbre.)

Come ho detto, normalmente non è un problema. Anche quando il basso batte forte, il cabinet sembra abbastanza inerte da sopportarlo. Ma gli effetti dei bassi bassi, profondi, lunghi e rimbombanti sono solo più di quanto possa sopportare senza che si scuotano un sacco, quindi tienilo in considerazione. Per quel che può valere, sono stato in grado di domare un po’ il tintinnio abbassando un po’ i bassi, ma questo mi ha lasciato senza il peso soddisfacente e la grinta che mi hanno impressionato così tanto.

Confronto e concorrenza
Se potessi farla franca eliminando questa sezione della recensione, lo farei assolutamente. Perché, francamente, non c’è davvero molto da confrontare con l’HSB 3.1 di Atlantic Technology. Ogni altra base di altoparlanti (o piedistallo del suono o suono qualunque) che ho recensito è stata completamente attiva, con due o tre canali amplificati, elaborazione integrata, una sorta di DSP surround finto, ecc. Quindi sì, potrei fare confronti con SoundBase.670 di ZVOX ($ 499), ma è un po’ come mele e kumquat, non è vero? Sistema audio surround SRT-1000 TV Yamaha da $ 500è un altro prodotto simile che mi viene in mente, ma anche in questo caso è solo superficialmente simile. Perché quando si arriva al punto, nessuno di questi prodotti offre la flessibilità, l’aggiornabilità e le capacità di prestazioni che otterresti anche da un sintoamplificatore AV a basso budget.

Un confronto più appropriato potrebbe essere fatto con soundbar passivi come il GoldenEar SuperCinema 3D Array (che, tra l’altro, è fantastico), ma anche lì devi comunque portare il tuo subwoofer all’equazione.

In poche parole, se stai cercando una soluzione L/C/R integrata il cui suono puoi modificare (per non parlare dell’aggiornamento) che non richieda l’aggiunta di un sub autonomo, l’Atlantic Technology 3.1 HSB balla praticamente sul ritmo del suo stesso batterista.

Conclusione
Ecco il lungo e il breve: se hai letto fino a qui, sei già alla moda del fatto che la base per altoparlanti TV H-PAS HSB 3.1 HSB di Atlantic Technology non è perfetta. Richiede l’uso del tuo sintoamplificatore AV, ha bisogno di un po’ di correzione ambientale negli alti bassi per funzionare al meglio, la gestione dei bassi può essere un po’ complicata e le sue prestazioni dei bassi profondi possono effettivamente essere un po’ troppo buone a volte.

Riconosco liberamente tutto ciò. Ecco la cosa, però: è una specie di sistema di altoparlanti L/C/R perfetto per la mia camera da letto. Rimuove la maggior parte del disordine dalla cima del mio comò; e, grazie al suo "subwoofer" integrato, apre molto spazio sul pavimento (e mi dà una cosa in meno su cui spaccare il mio mignolo quando mi alzo per incipriarmi il naso nel cuore della notte). Adoro il fatto che supporti qualsiasi formato audio voglio dargli da mangiare. Inoltre, con la giusta quantità di modifiche, suona favoloso.

In poche parole, non è la soluzione sonora giusta per tutti, ma riempie una nicchia che non mi ero nemmeno reso conto di dover riempire.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More