Everything for Home Media - Recensioni | Suggerimenti per l'acquisto di | | design Notizie sulla tecnologia

ELAC Uni-Fi UF5 Diffusori da pavimento recensiti

18

Il nome Andrew Jones è già sinonimo di ottimi diffusori economici. Tuttavia, il lancio dell’Elac UF5 e degli altri diffusori Uni-Fi mostra che il nome di Jones dovrebbe invece essere sinonimo di "progettare un prodotto nel modo più intelligente per un determinato prezzo". Conosco Jones da circa 20 anni e quello che mi ha sempre colpito del suo lavoro è che sembra sempre trovare la migliore soluzione ingegneristica per una particolare applicazione e budget. Ricordo che intorno al 2004, Jones ha fatto una demo del suo prototipo del TAD Reference One da $ 80.000 per coppia per me, poi pochi minuti dopo ha spiegato con uguale entusiasmo i suoi progetti di driver per un diffusore a due vie Pioneer costruito per essere venduto a $ 60 al paio al Circuit Città.

I nuovi altoparlanti Uni-Fi incarnano qualcosa che Jones mi ha detto molti anni fa: "Il miglior diffusore a due vie è un diffusore a tre vie". Con ciò, significa che un altoparlante a due vie con un midrange/woofer convenzionale e un tweeter a cupola è un compromesso tra la dispersione del woofer e la gestione della potenza del tweeter e che l’aggiunta di un driver per i medi elimina questo compromesso, se il prezzo dell’altoparlante è abbastanza alto che puoi permetterti di aggiungere un driver di fascia media. Non è stato il caso della linea Debut, la prima linea di altoparlanti che Jones ha progettato per Elac. Tuttavia, i prezzi più alti (ma comunque ragionevoli) della nuova linea Uni-Fi gli hanno permesso di circondare il tweeter di ogni diffusore con un cono di gamma media da quattro pollici.

"Circondato" è una parola chiave qui perché i tweeter e i driver midrange negli altoparlanti Uni-Fi sono concentrici, il che significa che i loro centri acustici sono sempre alla stessa distanza dalle tue orecchie, quindi non subisci nessuno degli effetti di filtraggio a pettine che sono tipico degli altoparlanti con midrange (o woofer) e tweeter separati fisicamente. I driver concentrici sono stati un segno distintivo dei progetti non economici di Jones sin dai suoi giorni in KEF, l’azienda più famosa per i tweeter concentrici.

Secondo Jones, la risposta dei bassi dell’UF5 è sostanzialmente la stessa di quella dell’altoparlante da scaffale UB5, nonostante i due woofer extra dell’UF5, le dimensioni maggiori e il prezzo due volte più alto. I due woofer inferiori sono isolati dai driver superiori nella loro custodia, ma il volume di questa custodia è il doppio di quello della custodia del woofer superiore e ha due porte, quindi l’UF5 è fondamentalmente l’UB5 con due sezioni di bassi extra aggiunte. Perché spendere di più per l’UF5? Perché suonerà note profonde molto più forti senza distorsioni rispetto all’UB5.

Le liste UF5 per $ 499 ciascuna. Nella linea ci sono anche l’altoparlante da scaffale UB5 da $ 499 / coppia e il centro UC5 da $ 349. Non esiste un subwoofer progettato specificamente per completare gli altoparlanti Uni-Fi, ma Jones ritiene che i subwoofer della serie Debut siano all’altezza del compito.

ELAC ha creato una versione verniciata leggermente più sottile dell’UF5 per il mercato europeo, che ha deciso di portare negli Stati Uniti intorno a settembre a un prezzo di circa $ 400 in più. Jones mi ha detto che la versione più sottile suona come l’originale. Secondo me, la versione più sottile sembra molto più bella… sì, $ 400 in più.

Hookup
Jones è venuto a casa mia per installare gli UF5, anche se non ha finito per fare nulla di diverso da come avrei fatto io. Ha messo gli altoparlanti negli stessi punti in cui avevo posizionato altri altoparlanti a torre che stavo testando e li ha spostati leggermente dopo un po’ di ascolto. A causa della risposta fuori asse coerente del midrange/tweeter concentrico, gli altoparlanti della serie Uni-Fi non sono affatto esigenti in termini di posizionamento.

Gli UF5 hanno due caratteristiche che facilitano l’installazione. Il primo è un set di morsetti per cavi degli altoparlanti extra robusti, con manopole abbastanza grandi da poterli stringere saldamente a mano. Il secondo è un paio di stabilizzatori metallici che si fissano nella parte inferiore dell’altoparlante. Le punte del tappeto fornite con l’altoparlante si infilano negli stabilizzatori e possono essere regolate con precisione con una chiave esagonale o con le dita. Una volta impostata l’altezza delle punte, puoi chiuderle con dei pomelli filettati.

Durante la visita di Jones, abbiamo utilizzato il sintoamplificatore AV Sony STR-ZA5000ES che avevo già configurato, con un lettore Blu-ray Samsung come sorgente e il ricevitore impostato per il bypass stereo. Successivamente, ho sostituito il mio solito banco di prova: un amplificatore Classé Audio CA-2300 e un preamplificatore/DAC CP-800, con un giradischi Music Hall Ikura e un pre phono NAD PP-3, il tutto collegato con cavi e interconnessioni per altoparlanti Wireworld Eclipse 7. Per confronti di livello abbinato con altri altoparlanti, ho usato il mio switcher ABX AVA Audio by Van Alstine.

Performance
Potrebbe non essere meglio iniziare una valutazione degli altoparlanti con una registrazione scadente; ma, dopo aver ascoltato tutti i soliti brani di prova durante la visita di Jones, non vedevo l’ora di mettere su The Red Norvo Trio con Tal Farlow e Charles Mingus, un classico dei primi anni ’50 che ho trovato in ottime condizioni in un negozio di dischi a Los Angeles per $ 3. Su brani come "This Can’t Be Love", ho amato la riproduzione pulita e neutra dell’UF5. Ogni nota della linea di basso fulminea di Mingus suonava perfettamente chiara. Forse più importante, però, è che ho sentito un naturale senso di spazio in questa registrazione dalle vibrazioni di Norvo e dalla chitarra di Farlow, anche se è mono. I suoni sembravano provenire anche dai lati della stanza. (Il link qui è apparentemente la stessa registrazione, proveniente da un album diverso.)

Ho sentito un simile senso di avvolgimento in Ambient 1: Music for Airports di Brian Eno. In questa registrazione, al pianoforte viene aggiunto molto riverbero, quindi suona abbastanza spazioso attraverso quasi tutti gli altoparlanti. Mentre il riverbero aggiungeva un senso di profondità dietro gli altoparlanti, l’effetto avvolgente che ho ottenuto dall’UF5 ha reso questo album più coinvolgente di quanto sarebbe su un set medio di altoparlanti.

Gli UF5 hanno prodotto una riproduzione piacevole e diretta di "Spring" della cantante jazz Susie Arioli, dal CD con lo stesso nome. Ancora una volta, ho sentito un avvolgente senso dello spazio, in particolare dal pianoforte e dalle vibrazioni. "Solo un grande suono che riempie la stanza", ho scarabocchiato nei miei appunti. La voce di Arioli suonava eccezionalmente chiara, e in effetti gli UF5 sembravano far risaltare la sua voce un po’ di più dal mix di quanto sono abituato a sentire.

Chiedendomi se gli UF5 potessero dare un po’ troppo senso di spazio alle registrazioni che stavo suonando, ho messo "From Dream to Dream", da The Nights of Bradley’s del pianista Kirk Lightsey e del bassista Rufus Reid. Questo album è stato registrato nell’ormai defunto jazz club Bradley’s del Greenwich Village, che ho visitato spesso quando vivevo a New York City. Gli UF5 sembravano scomparire completamente con questa registrazione; c’era un palcoscenico sonoro profondo tra gli altoparlanti, ma solo un modesto effetto avvolgente, che è il suono dello spazio stretto e profondo. Ho particolarmente amato il modo in cui gli UF5 sono passati senza intoppi dall’assolo ad arco di Reid alla linea di basso walking pizzicato che ha suonato dietro l’assolo di Lightsey; gli altoparlanti hanno catturato tutti i dettagli delle alte frequenze nel suono ad arco senza enfatizzare il paio di squittii che l’arco di Reid ha prodotto durante l’assolo,

"Stressed Out" di Twenty One Pilots ha dimostrato che l’UF5 può essere potente e dinamico quando è necessario. Ho alzato la melodia per vedere se i bassi dell’altoparlante si sarebbero assottigliati o si sarebbero distorti sotto stress, ma non è stato così. Anche se le note di basso più profonde non suonavano così piene come avrebbero fatto con un altoparlante più grande, non ho sentito nemmeno un fugace accenno di distorsione nei bassi, o nei medi o negli acuti, se è per questo.

Sebbene non avessi un sistema home theater UniFi completo a portata di mano, ho deciso di riprodurre la scena del disco Blu-ray Thor in cui Thor viene attaccato e apparentemente ucciso da un grosso robot, poi riprende i suoi poteri e distrugge il robot. Come per la traccia Twenty One Pilots, questa scena ha mostrato che gli UF5 possono gestire molti abusi dei bassi profondi senza distorsioni udibili o rumore delle porte.

Come faccio di solito quando recensisco i diffusori a torre, ho confrontato l’UF5 con i miei diffusori Revel Performa3 F206 da $ 3.499/paio, utilizzando il Van Alstine AVA ABX per abbinare i livelli ed eseguire il passaggio. In molti brani, come "Gloria’s Step" di Bill Evans, la Complete Village Vanguard Recordings, è stato estremamente difficile sentire la differenza. La più grande differenza su questa melodia era nel basso, che in realtà suonava più liscio e naturale sull’UF5 perché l’F206 ha, alle mie orecchie, solo un po’ di punch in eccesso nella parte bassa.

Fai clic sulla pagina due per le misurazioni, il lato negativo, il confronto e la concorrenza e la conclusione…

Misure
Ecco le misure per l’altoparlante UF5 (clicca su ogni grafico per vederlo in una finestra più grande).
ELAC Uni-Fi UF5 Diffusori da pavimento recensiti

ELAC Uni-Fi UF5 Diffusori da pavimento recensiti

Risposta in frequenza
In asse: ±3,4 dB da 42 Hz a 20 kHz
Media ±30° orizzontale: ±2,6 dB da 42 Hz a 20 kHz
Media ±15° verticale/orizzontale: ±3,0 dB da 42 Hz a 20 kHz

Impedenza
min. 3,8 ohm/397 Hz/-11, nominale 6 ohm

Sensibilità (2,83 volt/1 metro, anecoica)
83,6 dB

Il primo grafico mostra la risposta in frequenza dell’UF5, il secondo mostra l’impedenza. Per la risposta in frequenza, vengono visualizzate tre misurazioni: a 0° in asse (traccia blu); una media delle risposte a 0, ±10, ±20° e ±30° fuori asse orizzontale (traccia rossa); e una media delle risposte a 0, ±15° in orizzontale e ±15° in verticale (traccia verde). Considero le curve 0° in asse e 0°-30° orizzontali le più importanti. Idealmente, il primo dovrebbe essere più o meno piatto e il secondo dovrebbe avere lo stesso aspetto ma dovrebbe inclinarsi leggermente verso il basso all’aumentare della frequenza.

La risposta dell’UF5 è nel complesso piuttosto piatta. A causa di quel calo in asse a 7,5 kHz (che non è così evidente fuori asse), l’altoparlante misura più piatto su una delle due finestre di misurazione rispetto a fuori asse. (Senza quel calo di 7,5 kHz, la risposta sull’asse sarebbe di ± 2,3 dB.) Quel calo è abbastanza stretto, abbastanza superficiale e abbastanza alto in frequenza che dubito che darebbe fastidio a qualcuno. L’unica anomalia che vedo nella misurazione che mi aspetto si rivelerebbe prontamente all’orecchio è quel picco centrato a 2 kHz, che potrebbe rendere l’altoparlante un po’ più brillante ma probabilmente avrebbe anche l’effetto positivo di migliorare l’intelligibilità della voce.

La risposta fuori asse è fantastica, come previsto dall’array concentrico midrange/tweeter. Man mano che ti sposti più fuori asse, ottieni un roll-off degli acuti piacevole, fluido e coerente senza cali significativi nella risposta dei medi, che è esattamente il modo in cui decenni di ricerca scientifica ci dicono che un oratore dovrebbe rispondere. La griglia ha un effetto leggermente superiore alla media, riducendo la risposta da -1 a -2 dB tra 2,3 e 6,8 kHz e introducendo anche un paio di cali molto stretti (e quasi certamente impercettibili) a 10,3 e 16,3 kHz. Quindi, se l’altoparlante suona un po’ brillante per i tuoi gusti, la griglia può domare la risposta degli acuti bassi e medi in modo sottile ma utile.

L’impedenza dell’UF5 è un po’ bassa, scendendo per un po’ sotto i quattro ohm, ma può essere tranquillamente definita un altoparlante da sei ohm. La sensibilità è un po’ bassa a 83,6 dB (misurata a un metro con un segnale di 2,83 volt, in media da 300 Hz a 3 kHz), il che significa che l’UF5 può raggiungere circa 100 dB con circa 40 watt. Quindi funzionerà bene praticamente con qualsiasi ricevitore o amplificatore semi-decente, anche se non consiglierei di usarlo con uno di quegli amplificatori Pyle o Lepai sotto i $ 50.
Ecco come ho fatto le misurazioni. Ho misurato le risposte in frequenza utilizzando un analizzatore audio Audiomatica Clio FW 10 con il microfono di misurazione MIC-01 e l’altoparlante pilotato con un amplificatore Outlaw Model 2200. Ho usato la tecnica quasi anecoica per rimuovere gli effetti acustici degli oggetti circostanti. L’UF5 è stato posizionato su un supporto da 36 pollici (90 cm). Il microfono è stato posizionato a una distanza di due metri all’altezza del tweeter e un mucchio di isolamento in denim è stato posizionato a terra tra l’altoparlante e il microfono per aiutare ad assorbire i riflessi del suolo e migliorare la precisione della misurazione alle basse frequenze. La risposta dei bassi è stata misurata microfonando da vicino e sommando le risposte dei woofer e delle porte e unendo questo risultato ai risultati quasi anecoici a 188 Hz. I risultati sono stati levigati a 1/12 di ottava. Le misurazioni sono state effettuate senza la griglia salvo quanto indicato. La post-elaborazione è stata eseguita utilizzando il software di analisi LMS LinearX.

ELAC Uni-Fi UF5 Diffusori da pavimento recensitiIl
rovescio della medaglia Come ho detto sopra, l’UF5 ha resistito bene in confronto diretto con i miei diffusori Revel Performa3 F206, ma c’erano un paio di brani che hanno mostrato i vantaggi della costruzione più costosa dell’F206. Su "Wives and Lovers" da Frank Sinatra e dall’album It Might As Well Be Swing dei Count Basie, ho sentito che il tweeter di Revel è migliore. Suonava liscio, naturale e privo di sibilanti sulla voce di Sinatra; ma, quando sono passato a UF5, ho potuto sentire una leggera quantità di sibilanti. Ho anche notato questo effetto sulla registrazione di Susie Arioli e sul disco Blu-ray Thor.

Inoltre, gli F206 suonavano un po’ più aperti e spaziosi, rendendo l’UF5 un po’ "quadrato" in confronto. Data la dispersione dimostrabilmente eccellente dell’UF5, penso che ciò potrebbe essere dovuto a una lieve risonanza nel cabinet dell’UF5, che non è solido o ben rinforzato come l’F206 3,5 volte più costoso.

Ho notato che l’UF5 ha una sottile traccia di enfasi sugli alti più bassi. Descriverei il modo in cui suona come vivace, non brillante. Tuttavia, se ti piace un suono più rilassato e morbido, l’UF5 potrebbe avere un tocco di fascia alta troppo alta per te.

Confronto e concorrenza
Ci sono molti diffusori da torre a circa $ 1.000 al paio. L’UF5 è per lo meno competitivo con tutti quelli che ho sentito, ed è un valore migliore rispetto alla maggior parte perché è un design a tre vie e la maggior parte dei suoi concorrenti sono design a 2,5 vie, con un midrange/woofer relativamente grande driver più uno o due più driver corrispondenti che funzionano solo nelle frequenze più basse. Sebbene la maggior parte delle principali aziende di altoparlanti abbia offerte interessanti in questa gamma, i loro driver midrange/woofer più grandi potrebbero non consentire loro di suonare così aperti e avvolgenti come farà l’array concentrico di quattro pollici midrange/un pollice dell’UF5. Questi altoparlanti includono il PSB Imagine X1T da $ 449 ciascuno (un 2,5 vie con due driver da 5,25 pollici), il Monitor Audio Bronze 6 da $ 549 ciascuno(un 2,5 vie con tripli driver da 6,5 ​​pollici) e il Klipsch RP-260F da $ 499 ciascuno (un bidirezionale con due driver da 6,5 ​​pollici). Non posso dire con certezza quale di questi diffusori ti piacerebbe di più perché, ovviamente, c’è un certo gusto personale coinvolto. Dubito che penseresti che qualcuno di loro suonerà sostanzialmente meglio dell’UF5, però.

La concorrenza più dura potrebbe venire dalla Definitive Technology BP9020, un design bipolare a tre vie da $ 649 ciascuno con un woofer da otto pollici alimentato e doppi radiatori passivi. Ho ascoltato il BP9020 in un recente evento e sono rimasto piuttosto colpito. Dubito che corrisponda alla purezza sonora dell’UF5, ma il design bipolare suonerà probabilmente ancora più avvolgente e la sezione dei bassi amplificati fornirà quasi sicuramente una risposta dei bassi più profonda di quella che l’UF5 può raccogliere.

Conclusione
Ho sentito un numero enorme di diffusori a torre da $ 1.000 per coppia. Ho fatto la mia prima sparatoria su di loro per una rivista del settore circa 20 anni fa… e l’UF5 è il migliore che abbia mai sentito fino ad oggi. È un ottimo rapporto qualità-prezzo, è progettato in modo impeccabile e suona semplicemente alla grande. Mettine un paio nel tuo soggiorno, collegali a un ricevitore o amplificatore decente e sperimenterai alcuni dei migliori suoni che il mondo dell’audio ha da offrire, a un costo che una famiglia media può facilmente permettersi.

Fonte di registrazione: hometheaterreview.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More